Gesualdo – In scena lo spettacolo del Folk Event

27 agosto 2014

Tutto pronto per l’evento clou dell’estate gesualdina. Il 28 e 29 agosto torna il Gesualdo FolkEvent con tutta la sua carica di adrenalina e divertimento. La manifestazione nel corso degli anni è diventato un appuntamento seguitissimo per gli amanti del genere ma anche un felice luogo d’incontro per amici e comitive provenienti dai centri vicini. Nella scorsa edizione si sono registrate 10000 presenze con tanti visitatori provenienti dal Sannio e dal Salernitano. L’undicesima edizione dell’evento si annuncia piena di novità sotto il segno della sperimentazione. Alle tradizionali danze e suoni della cultura popolare si uniranno le note incalzanti del reggae con ampi ed ancora indefiniti sconfinamenti nell’universo del folk. Il 28 agosto sul palco del Folk Event: I Terraemares, tra i più fortunati interpreti della musica popolare campana famosi per le loro sperimentazioni sonore e I Mascarimiri, la band salentina del momento reduce dai successi nei folk festival di mezzo mondo, famosi per la contaminazione dei generi di musica popolare ma anche custodi fedeli della tradizione musicale salentina. Il 29 agosto, i Tammurriata Instabile , veri e propri professionisti prestati all’arte della musica popolare e BRUSCO, un principe del reggae all’italiana che da oltre un decennio imperversa nello sconfinato scenario della musica pop con tormentoni famosissimi e successi da primi posti delle hit parade. A fine serata il mitico dj SANGENNAROBAR con i suoi mix esilaranti di musiche popolari e non. La ricca offerta musicale sarà accompagnata dalla bontà dell’altrettanto ricca offerta gastronomica con i piatti della tradizione gesualdina annaffiati da ottima birra. Il Gesualdo Folk Event, anche quest’anno, esprimerà attenzione e sostegno alla campagna di sensibilizzazione promossa dai comitati che da quasi due anni si battono contro i progetti di ricerca petrolifera previsti nel territorio di Gesualdo, facendosi tramite di un messaggio volto alla salvaguardia e tutela del territorio per il rispetto dell’ecosistema e nella prospettiva di un rilancio economico dell’Irpinia fondato sulla valorizzazione delle risorse ambientali.