Gesualdo e Praga insieme nel ricordo di Carlo Gesualdo

Gesualdo e Praga insieme nel ricordo di Carlo Gesualdo

26 settembre 2017

Il Comune di Gesualdo, in collaborazione con le associazioni locali, organizza la Mostra “Artisti cechi – Riflessioni Rodolfina e Praga” dedicata a Venceslas Hollar, uno dei più rinomati incisori del XVII sec. La mostra è stata curata da Andrea Louis Ballardini e Pavel Piekar, SÄŒUG Hollar, e promossa dal Comune di Gesualdo, dall’Istituto Italiano di Studi Gesualdiani e dall’Associazione culturale italo-ceca Lucerna di Bologna.

La mostra presenterà un’ampia selezione di opere dei migliori maestri dell’arte incisoria ceca, la cui tradizione risale all’epoca di Rodolfo II d’Asburgo (Vienna, 18 luglio 1552 – Praga, 20 gennaio 1612).

Come afferma il Presidente dell’Associazione Hollar, Pavel Piekar: “La scelta delle opere riflette sostanzialmente Praga nelle sue varie sembianze, quelle attuali e quelle storiche, durante il regno dell’Imperatore Rodolfo II, periodo in cui la città conobbe un nuovo slancio dopo quella straordinaria fioritura gotica sotto il regno dell’imperatore Carlo IV”.

Ospite della mostra sarà il M° Andrea Ballardini che ha vissuto i suoi anni di formazione artistica proprio a Praga. La varietà nella scelta dei soggetti, dei linguaggi artistici utilizzati e delle tecniche esibite vuole testimoniare la molteplicità delle espressioni dell’Associazione Hollar.

Attraverso le opere esposte in mostra si andrà alla scoperta della città di Praga lungo i sentieri della sua affascinante storia che inizia con opere dell’epoca gotica nel regno di Carlo IV, sovrano che trasformò la capitale in una delle maggiori metropoli d’Europa, al quale seguono immagini del Rinascimento, del Manierismo e del Barocco.

Uno dei periodi di massimo splendore per Praga fu l’epoca a cavallo tra Ottocento e Novecento, in cui si susseguirono stili eclettici, segnata da artisti dotati di originalità che da una parte si allontanavano dalla influenza germanica e austriaca, dall’altra ammiccavano ormai alle avanguardie parigine.

L’immagine della città non sarebbe completa senza i ritratti di alcuni grandi personaggi dell’Arte, presenti nella mostra. Con il ritratto immaginario di Carlo Gesualdo si vuole rendere omaggio la città di Gesualdo, alla grande personalità rinascimentale, che ne ha creato la fama.

La scelta del Castello di Gesualdo assume un forte valore simbolico per la mostra che riassume e rinsalda un antico legame storico tra Gesualdo e Praga iniziato il 10 novembre 1607 con il Matrimonio di Emanuele Gesualdo Principe di Venosa, figlio di Carlo Gesualdo e di Maria d Avalos e della principessa Boem Maria Polissena Furstemberg, e che adesso si rilancia con lo stretto legame tra il Comune di Gesualdo e l’Associazione Venceslas Hollar, che proprio quest’anno festeggia il centenario della sua fondazione.

Il Comune di Gesualdo, d’intesa con le sue Associazioni, e grazie alla preziosa collaborazione con la Galleria d’Arte Hollar di Praga, rilancia in una dimensione internazionale il proprio sforzo di promozione e valorizzazione della cultura gesualdiana con l’auspicio e con la prospettiva di accrescere la fama di Gesualdo come città della Musica e delle Arti.