Gaming Online: settembre 2018, in calo il Poker. Forte crescita per il settore Casinò

Gaming Online: settembre 2018, in calo il Poker. Forte crescita per il settore Casinò

16 novembre 2018

Il gaming online costituisce, al giorno d’oggi, uno dei segmenti più redditizi del vasto settore dell’intrattenimento. Si tratta di un mondo in costante e forte crescita, in grado di muovere un giro d’affari che, soltanto in Italia e limitatamente all’anno 2017, ha superato addirittura il miliardo di euro. Per l’annata corrente, la tendenza sembra essere confermata. I numeri sono ben chiari: nel 2018, l’incasso – per le aziende che operano nel settore del gaming online – ha persino superato quello dei dodici mesi precedenti.

Insomma, appare chiaro che gli italiani nutrano un grande interesse per il gioco d’azzardo e che, nel corso degli anni, siano sempre più propensi ad utilizzare il PC e i dispositivi mobili per accedere a questo genere di servizi. Tuttavia, non tutti gli ambiti del gaming online stanno vivendo attualmente un periodo fortunato. Le preferenze degli utenti, infatti, cambiano spesso in maniera repentina, provocando un calo anche per quei giochi che, soltanto fino a qualche anno fa, attiravano un numero enorme di appassionati.

Il caso più eclatante, in tal senso, riguarda il poker, considerato da sempre il “re” dei giochi d’azzardo ed oggi, invece, relegato ad una posizione di minore rilievo. Già a partire dai primissimi esordi sul web, il poker online è stato, per migliaia di utenti, più di un semplice gioco, bensì una vera e propria passione e, per alcuni, addirittura un impegno professionale. Qualcosa, però, è cambiato. Nel settembre del 2018, il segmento del poker a torneo ha registrato un drastico calo dell’11%, rispetto al settembre dell’annata 2017. Se si prende in esame, invece, l’intero periodo dell’anno corrente – ovvero da gennaio a settembre 2018 – la perdita complessiva si aggira intorno allo 0,8%, rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno.

È andata ancora peggio nell’ambito del poker cash. Per questo segmento, infatti, la perdita è stata pari al 18% (settembre 2018 rispetto a settembre 2017). Se si considerano i nove mesi, invece, il calo è stato del 5,8%. Se il poker online sembra avere “stancato” anche i giocatori più assidui, diversa è la situazione dei cosiddetti casinò games, definizione che fa riferimento a tutti quei giochi (come la roulette, il blackjack e, soprattutto, la slot-machine) comunemente associati ai grandi casinò internazionali. Il segmento dei casinò games appare, infatti, tra i più “in forma” dell’intero settore. La crescita, rispetto al settembre dello scorso anno, è stata pari al 16,8%, per assestarsi addirittura al 26,7% nel corso dei nove mesi del 2018.

L’incasso, per le aziende che operano nell’ambito dei casinò games, è stato superiore ai 500 milioni di euro ed è destinato a crescere fino al prossimo dicembre. Le società del settore, pertanto, stanno vivendo uno dei periodi più prolifici degli ultimi anni, soprattutto qui in Italia, dove i numeri del gioco d’azzardo hanno raggiunto proporzioni davvero enormi e non accennano a fermarsi.