Fusco tra rabbia e delusione. Stanco di stare in tribuna

8 marzo 2006

Escluso, ma non si sa ancora perché! Vincenzo Fusco è stato messo da parte da Franco Colomba nel suo momento migliore, nel periodo di maggior forma. Tanta rabbia in corpo, tanta delusione per il centrocampista di Mariconda a cui il tecnico di Grosseto sta preferendo il ‘pupillo’ Vicari. In poche settimane l’ex Battipagliese è passato dall’indossare la fascia da capitano al sedersi in tribuna. Il jolly irpino non ci sta. Lui che lo scorso anno è stato tra i punti di forza di un lupo vincente vorrebbe maggiore considerazione e spera di potersi rifare nelle restanti partite contribuendo attivamente alla salvezza dei lupi. Non parla di ‘caso’, ma sa che sono in tanti a pensarlo, sa che sono in molti a non capire questa sua esclusione. “Non so perché il mister abbia deciso di mettermi da parte. – afferma il salernitano.- In allenamento do sempre il massimo. Lavoro sempre con la massima professionalità ed il massimo impegno per cercare di conquistare una maglia da titolare. Siamo in tanti ed è normale che qualcuno debba restare fuori”. Colomba non gli ha dato alcuna spiegazione per questo momentaneo ed inaspettato accantonamento: “Non so da cosa sia scaturita questa sua scelta. Sono dispiaciuto perché non credo di meritare la tribuna, ma è lui che fa le scelte ed io non posso fare altro che rispettarle. Non è nel mio dna l’essere presuntuoso. Non ho mai chiesto un posto da titolare, ma vorrei una maggiore considerazione, almeno per il contributo che ho dato in questi due anni all’Avellino. In questo periodo sta preferendo altri a me”. A gennaio ha avuto la possibilità di andare via, ma la voglia di continuare a difendere questi colori, che oramai gli hanno invaso il cuore, l’ha spinto a non prendere nemmeno in considerazione questa ipotesi: “Ho ricevuto qualche chiamata, ma il mio futuro è qui. Sono troppo legato a questa maglia e non avevo alcuna intenzione di lasciarla. Se avessi saputo che a questo punto della stagione le cose sarebbero andate così, forse avrei fatto una scelta diversa chiedendo il prestito, ma non me la sentivo di abbandonare questa maglia. Devo ringraziare tutti i miei compagni, in particolare Riccio che in questo periodo per me molto difficile, mi sono vicini. Devo ringraziare anche i tifosi che non mi fanno mancare il loro affetto”. Terminano le polemiche ed il numero venticinque torna a parlare di calcio: “Adesso c’è questa gara importante e difficile contro il Rimini. Speriamo di vincere e di riuscire a conquistare così tre punti importanti per il raggiungimento della salvezza. E’ una diretta concorrente e daremo il massimo per fare risultato. In casa le cose stanno andando bene, speriamo di invertire tendenza anche in trasferta”. Un successo con i romagnoli sarebbe importantissimo: “Sicuramente faremo sprofondare anche loro nella zona a rischio, allargando così il lotto di squadre in corsa alla salvezza. Ci sono tutti i presupposti per fare e bene e portare a casa questi tre punti”. Colomba lo ha provato nella partitella del mercoledì e contro i biancorossi potrebbe quindi, ritrovare una maglia da titolare: “Lo spero… non ne posso più di stare fuori”.(Di Sabino Giannattasio)