Furti, i consigli dell’Arma: “Bene le telecamere, ma cittadini e commercianti si muniscano di allarmi”

Furti, i consigli dell’Arma: “Bene le telecamere, ma cittadini e commercianti si muniscano di allarmi”

19 febbraio 2018

Renato Spiniello – Trenta telecamere di videosorveglianza saranno installate nei prossimi due mesi in città, in particolare nelle zone, come Contrada Archi, Contrada Bagnoli, Contrada Sant’Eustachio e Picarelli, sensibili dal punto di vista dei furti in abitazione e spesso escluse dall’illuminazione pubblica.

La notizia era già stata diffusa al termine del summit in Prefettura dello scorso 7 febbraio, alla presenza, oltre che del Prefetto Maria Tirone, anche del primo cittadino del capoluogo Paolo Foti e del Comandante della Polizia Municipale Michele Arvonio; tuttavia la mera sorveglianza pubblica – seppur utilissima – non basterebbe stando alle parole del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino.

Il Colonello Massimo Cagnazzo ha infatti sottolineato l’importanza del sistema di telecamere, ma ha anche consigliato a cittadini e gestori di esercizi commerciali di munirsi di propri sistemi d’allarme e di videosorveglianza. “Sarebbe molto utile anche per individuare successivamente i malviventi – ha chiarito – Abbiamo riscontrato diversi esercizi commerciali in cui i sistemi d’allarme e di impianti video erano praticamente inesistenti. Occorre tutelarsi, è quello che diciamo sempre ai vari incontri con le associazioni di categoria.

Anche i mezzi agricoli andrebbero dotati di impianti di Gps – continua il Comandante della Benemerita – Certo ciò non significa che noi delle forze dell’ordine dobbiamo allentare la vigilanza sul territorio”.