Furbetti del cartellino all’Asl, chiesta la non punibilità per cinque indagati

Furbetti del cartellino all’Asl, chiesta la non punibilità per cinque indagati

6 marzo 2018

Renato Spiniello – Nuovo capitolo nella vicenda dei furbetti del cartellino all’Asl di via Degli Imbimbo. La Procura, dopo l’indagine della Mobile avviata nel febbraio 2015, aveva chiesto il rinvio a giudizio per i 34 dipendenti accusati di truffa e assenteismo da pubblico servizio.

Stamane l’udienza ha avuto inizio dinanzi al Gup Paolo Cassano per discutere sulle richieste di rinvio a giudizio firmate dal pm Fabio Massimo Del Mauro. Quest’ultimo ha chiesto la non punibilità per cinque imputati, rilevando che nei loro confronti risulterebbe una particolare tenuità del fatto (danno irrilevante), quindi non vi sarebbero motivi per andare a processo. Una delle dipendenti ha invece richiesto il patteggiamento.

Sulle richieste il Gup deciderà il prossimo 20 marzo.