Fratelli d’Italia, interrogazione parlamentare sulle condizioni del tribunale di Avellino

Fratelli d’Italia, interrogazione parlamentare sulle condizioni del tribunale di Avellino

9 marzo 2019

Il cordinamento provinciale di Fratelli d’Italia trasmette un comunicato stampa con il quale fa sapere che: “Il senatore di Fratelli d’Italia, on. Antonio Iannone, ha proceduto a depositare interrogazione scritta al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, con atto n. 4-01350, pubblicato in data 05 Marzo 2019, nella seduta n° 96. L’interrogazione verte sulle precarie condizioni manuntentive e di sicurezza che da tempo purtroppo affliggono lo stabile destinato agli uffici dell’amministrazione giudiziaria”.

“Fratelli d’Italia – prosegue – anche alla luce del recente episodio della chiusura di un’aula della sezione penale, per la caduta di calcinacci, si è fatta interprete del malessere e delle difficoltà con cui quotidianamente magistrati, avvocati, dipendenti e utenza devono da tempo convivere. Detta situazione merita un intervento finalmente risolutivo che possa ridare almeno decoro alla struttura e ripristinare normali condizioni di sicurezza in luoghi frequentati giornalmente da centinaia di addetti ai lavori”.

“Con l’interrogazione si intende, quindi, sollecitare il governo centrale ad una doverosa attenzione nei confronti del Tribunale di Avellino che, a seguito dell’accorpamento del Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi, è divenuta l’unica struttura al servizio della provincia. Si rimane in attesa, dunque, di conoscere le intenzioni e le procedure, oltre che dei finanziamenti disponibili o da rendersi disponibili, con cui il Ministero della Giustizia intenda risolvere la problematica in maniera indifferibile. Gli intendimenti ministeriali saranno resi pubblici appena saranno comunicati”.

Di seguito si riporta il testo integrale dell’interrogazione: “Premesso che: in data 25 febbraio 2019, gli organi d’informazione, riferivano che l’aula delle udienze penali del Tribunale di Avellino era stata chiusa, con necessaria decisione del Presidente del Tribunale, per la caduta di calcinacci; da tempo si registrano problemi al palazzo di giustizia di Avellino e, pur essendo previsto un intervento di manutenzione da parte del Ministero, i lavori stentano a decollare; personale amministrativo, magistrati e avvocati a più riprese hanno evidenziato i problemi strutturali del Tribunale, finito anche al centro di una puntata del programma Rai “Presa Diretta”, si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza di questo grave fatto e dei motivi del ritardo nei lavori di manutenzione; se intenda realizzare in maniera risolutiva interventi che garantiscano la sicurezza ed il decoro degli operatori della giustizia e dell’utenza del Tribunale di Avellino”.