Frana a Chianche, il Comitato no al Biodigestore torna alla carica: “Area a rischio”

Frana a Chianche, il Comitato no al Biodigestore torna alla carica: “Area a rischio”

3 novembre 2018

La Strada Statale “88” , in località “Stretto di Barba”, nel comune di Chianche, praticamente nell’area dove è ipotizzata la costruzione del mega biodigestore, è stata interessata da un movimento franoso che ha provocato la caduta  di massi sulla carreggiata, alcuni dei quali hanno investito un’automobile, per fortuna senza conseguenze per le persone,  e prodotto le necessarie misure di messa in sicurezza dell’asse viario ad opera delle forze dell’ordine e del personale dell’Anas.

“Questa è esattamente l’area che dovrebbe interessare l’eventuale costruzione del biodigestore di Chianche, già nota per i ripetuti fenomeni franosi che l’hanno investita  con conseguente chiusura al traffico per la messa in sicurezza dei luoghi”, si legge nella nota del Comitato #nessunotocchilIrpinia.

I Sindaci dell’area del “Greco di Tufo” hanno evidenziato tale seria problematica in modo documentato nel ricorso al Tar e in altri sedi istituzionali e il Coordinamento ha ribadito “la inopportunità di tale localizzazione anche per questi oggettivi e incontestabili motivi, che gli attuali fatti di cronaca, purtroppo, confermano come luogo a forte rischio idrogeologico e tra i più esposti della nostra provincia”.

“Ci auguriamo che gli organi competenti si rendano conto che sconvolgere una intera zona fragile  come quella prescelta per la localizzazione del biodigestore, è un azzardo che nuoce, non solo all’economia vitivinicola e alla salute ambientale della zona, ma anche alla sostenibilità di un territorio che andrebbe contenuto e salvaguardato e non aggredito in modo sconsiderato”.