FOTO/Il pagellone dei lupi: il piede fatato di Castaldo non basta

30 maggio 2014

Guarda la fotogallery

Seculin 5,5 – Lasciato sotto il fuoco incrociato del Padova a ridosso della mezz’ora, il portiere biancoverde alza bandiera bianca. Sotto shock

Zappacosta 4 – Il suo erroraccio al 24′ costa all’Avellino la carambola che favorisce Melchiorri per l’1-0 padovano. È una macchia indelebile su una prestazione di per sé insufficiente. Imperdonabile

Decarli 5 – Non riesce a contenere con l’intero reparto le velleità padovane. Serata no, l’orologio questa volta non è svizzero. In ritardo

Pisacane 5 – Sfortunato/poco convinto sul rimpallo dell’1-0, si perde Diakite in occasione del raddoppio. Serataccia anche per lui. Tra le nuvole

Bittante 4 – I pericoli nel primo tempo arrivano tutti dalle sue parti. Nella ripresa partecipa all’assedio ma in maniera disordinata. Impacciato

Pizza 4 – Partita incolore per l’oggetto misterioso biancoverde, confermatosi tale per l’occasione. Mai nel vivo della manovra, sguazza senza costrutto nella semi-palude padovana. Non lascia tracce sulla strada del ritorno verso Viareggio. Buon viaggio

Togni 4,5 – Il terreno non lo agevola, ma lui non fa nulla per inserirsi nel gioco. La sua qualità si eclissa sotto il diluvio. Fantasma

Schiavon 6 – A centrocampo è l’unico a prendere l’iniziativa o, se non altro, a trovarsi meno a disagio. Cala di intensità alla lunga, ma è legittimo senza man forte al suo fianco. Stacanovista

Ciano 5 – È la brutta copia del Camillo versione assist-man ammirato con Trapani e Reggina. Scarsi i suoi rifornimenti per le punte, annebbiate le idee. Involuto

Castaldo 6,5 – La sua carezza al pallone sull’invito di Soncin allevia la delusione per una sconfitta che brucia. È uno dei pochi a salvarsi nella disfatta generale. Suona la carica con un’autentica perla ma non basta. Festeggia a bassa voce il record personale di marcature. Piede fatato

Soncin 5,5 – L’ex non punge, ma sforna un pregevole assist per la perla di Castaldo. Se non altro chiude in crescendo una stagione maledetta. Rincuorato

Biancolino dal 1′ st 4 – Sbaglia la più clamorosa delle occasioni che a 15′ dal termine avrebbe rilanciato i suoi compagni. Troppo molle il suo approccio. In vacanza

Ladriere dal 14′ st 4 – Il solito anonimo belga che non lascia traccia di sé in campo. Gioca a nascondino con gli avversari. Invisibile

Angiulli dal 19′ st 6 – Apprezzabile il suo impatto sul match. Vivace e propositivo, il centrocampista tascabile ci mette grinta e mordente. Coraggioso

(Claudio De Vito)