FOTO / “Tesori in Irpinia”, più di un semplice calendario

FOTO / “Tesori in Irpinia”, più di un semplice calendario

11 dicembre 2019

Alfredo Picariello – E’ il Pirelli delle bellezze d’Irpinia. Più che un calendario, un oggetto d’arredamento. Nasce dall’arte e dalla bravura di un fotografo doc come Antonio Bergamino e prende le mosse dall’immenso patrimonio artistico, architettonico e culturale della provincia di Avellino. Inoltre, il ricavato servirà ad aiutare i più bisognosi. Insomma, un ideale “regalo” di Natale. L’idea è della sempre vulcanica Rosanna Repole che ha messo in rete i vari Rotary irpini.

“L’iniziativa è propria della sensibilità e dello spirito dei rotariani che operano nella propria comunità con coscienza ed attenzione al fianco delle istituzioni, per individuare ed intervenire in situazioni di bisogno”, spiega l’ex sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi. “Siamo riusciti a mettere su un’ottima rete tra il Rotary, le istituzioni, le parrocchie e le diocesi. Sono ben sei le diocesi che hanno collaborto. Mi auguro che il progetto continui e che gli anni prossimi potremo essere in grado di raccontare altre bellezze”.

Il mix tra Rosanna Repole ed Antonio Bergamino è a dir poco “esplosivo”. “Rosanna mi ha parlato del progetto 40 giorni fa. Subito mi è venuto in mente di fotografare le chiese perché hanno arte e cultura da vendere. Mi è piaciuto raccontare questi luoghi di sera, al termine delle Messe. E’ stato faticoso, ma ne è valsa la pena. Ogni giorno fotografavo una chiesa diversa. Sul calendario ce ne sono 13, ma ne ho fotografate molte di più. Il calendario sarà pronto al massimo tra dieci giorni. La filosofia che mi ispira è quella del calendario Pirelli, quindi sarà un oggetto che aiuterà ad arredare e non dove annotare cose”.

In foto, chiese e cattedrali che con le loro architetture, i dipinti, le sculture, gli arredi, sono degli straordinari luoghi di arte, cultura e storia.

Il viaggio inizia dall’Abbazia del Goleto, dove l’ampia scalinata a due rampe che conduce alla Chiesa del Vaccaro, sembra abbracciare il pellegrino accompagnandolo nella suggestione del luogo. A seguire, Nusco con la Concattedrale di Sant’Amato, Bagnoli Irpino con la Chiesa di Santa Maria Assunta, Lacedonia con la Concattedrale di Santa Maria Assunta, Ariano Irpino con la Basilica Cattedarle di Santa Maria Assunta, Castel Baronia con la Chiesa di Santo Spirito, Frigento con la Cattedrale di Santa Maria Assunta, Mirabella Eclano con la Chiesa di Santa Maria Maggiore, Montefalcione con la Chiesa di Santa Maria Assunta, Atripalda con la Chiesa Monumentale di Sant’Ippolisto. Solofra con la Collegiata di San Michele Arcangelo, Taurano con la Chiesa del Convento di San Giovanni del Palco e infine, Avellino con la Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta e San Modestino.

“Tesori in Irpinia”, oltre ad essere un omaggio a questa terra e un invito al viaggio, è un calendario destinato alla vendita, il cui, ricavato servirà a finanziare le iniziative di significato e di valore sociale e culturale che porta avanti la Rotary Foundation che da quando è nata, nel 1917, “per fare del bene”, ha trasformato e trasforma le raccolte fondi e le donazioni in progetti sostenibili che migliorano la qualità della vita a livello locale ed internazionale.