VIDEO/ Maxisequestro di fuochi d’artificio in Irpinia: 135.197 botti detenuti irregolarmente

20 dicembre 2019

Ben 135.197 articoli di materiale pirotecnico detenuti irregolarmente e destinati alla vendita per i festeggiamenti di fine anno, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Avellino. I finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia, nell’ambito del rafforzamento dell’attività di controllo economico del territorio, svolta in occasione delle festività natalizie, hanno individuato un esercizio commerciale di Mercogliano in cui è stata accertata la libera vendita di materiale pirotecnico detenuto senza rispettare le norme di sicurezza.

L’accesso presso i locali ha consentito di rinvenire numerosissimi articoli pirotecnici che, sebbene legali, erano esposti in vendita al pubblico in normali scaffalature vicino ad altri materiali, anche infiammabili, quali profumi, cartucce per stampanti e cosmetici. Inoltre gli articoli erano venduti sfusi e rimossi dalle confezioni originarie, che ne garantiscono la protezione adeguata contro l’innesco fortuito della miccia di accensione.

Tale situazione rappresentava un concreto rischio per i clienti e i dipendenti presenti all’interno del locale commerciale controllato, fino a far assumere agli artifizi pirotecnici in vendita, la caratteristica della micidialità in caso d’incendio o innesco accidentale.

I finanzieri, inoltre, hanno esteso i controlli anche alle pertinenze del locale commerciale, dove hanno rinvenuto un’ulteriore e più consistente quantitativo di fuochi d’artificio detenuti senza il rispetto delle prescritte norme di sicurezza, riposti in scatoloni accatastati all’interno di un vano scale, usato per accedere ad appartamenti di civile abitazione ed impropriamente adibito a vero e proprio deposito, privo di impianti estinguenti e di uscite di sicurezza.

A fronte del grave contesto rilevato, i finanzieri, anche al fine di ripristinare le normali condizioni di sicurezza, hanno sequestrato tutto il materiale pirotecnico rinvenuto, pari a circa 400 kg, equivalenti a circa 107 kg di polvere esplodente netta, affidandolo in giudiziale custodia a una ditta specializzata.

Il titolare dell’attività è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria per la violazione dell’art. 678 c.p., il quale punisce, tra l’altro, chiunque detiene materiale esplodente senza le giuste cautele.

La Guardia di Finanza invita i consumatori a porre la massima attenzione sulle condizioni di utilizzo e detenzione degli articoli pirotecnici che possono rappresentare un grave rischio se usati impropriamente.

L’attività svolta si inquadra nel più generale dispositivo di salvaguardia all’incolumità pubblica e di tutela del commercio legale eseguito costantemente dalle Fiamme Gialle irpine ed incentrato in questo particolare periodo dell’anno, alla repressione della vendita illegale e non sicura dei fuochi d’artificio. I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni.