FOTO E VIDEO / “Donare sangue è semplice, se si ha paura dell’ago basta girarsi dall’altra parte”. Solidarietà, in campo il capo della polizia

13 dicembre 2019

Alfredo Picariello – Il cuore dell’Irpinia batte sempre forte per chi ne ha bisogno. La città si è unita, questa sera, all’associazione della polizia di Stato “Donatori Nati” che ha organizzato al Conservatorio “Cimarosa” un concerto di solidarietà. Il ricavato dell’iniziativa sarà devoluto ad una serie di importanti progetti promossi dagli ospedali italiani. In prima linea, anche il capo della Polizia, Franco Gabrielli, presidente dell’associazione che si occupa di sensibilizzazione. Al centro dell’evento, l’importante tematica della donazione di sangue e donazione di organi.

“Questo è un tema sul quale la sensibilizzazione e la consapevolezza debbono prevalere”, afferma Garbielli. “Donare il sangue è un importante servizio che si rende agli altri ma che produce un effetto benefico anche allo stesso donatore. Chi dona viene controllato in maniera costante, viene monitorato e, quindi, è anche possibile scoprire patologie che, spesso, sono difficili da evidenziare. E’ dunque un gesto per gli altri ma è anche un modo per tenersi in salute. Donare sangue è molto semplice, se si ha paura dell’ago basta girarsi dall’altra parte. L’Irpinia si dimostra sempre una terra generosa, del resto esiste un bel gruppo della nostra fondazione. Ma sensibilizzare non fa mai male, non è un esercizio inutile e sterile”.

Nel Conservatorio di Avellino sono risuonate note di solidarietà, grazie alla pregevole esibizione del gruppo musicale “Effetti Collaterali” composto da medici del Moscati: Cesare Gridelli, direttore del dipartiento di Onco-Ematologia, Giovanni De Chiara, responsabile dell’Unità Operativa di Anatomia Patologica, il chirurgo Giancarlo Farese e Luigi Monaco, direttore dell’Unità Operativa Ecografia.

A fare gli “onori di casa” è stato Gigi Marzullo. Parterre molto ricco e composito. Oltre al Questore di Avellino, Maurizio Terrazzi, c’erano il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia, il Prefetto di Avellino, Paola Spena, il Procuratore della Repubblica, Rosario Cantelmo, il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, il presidente del Cimarosa, Luca Cipriano, il direttore dell’azienda ospedaliera, Renato Pizzuti. Impeccabile l’accoglienza curata dalla Pro Loco di Mercogliano del presidente Stefania Porraro.