Forgione: “In cassa quasi otto milioni, ma vincolati. Reddito di cittadinanza, idea da rivedere”

Forgione: “In cassa quasi otto milioni, ma vincolati. Reddito di cittadinanza, idea da rivedere”

30 luglio 2018

Marco Imbimbo – Passaggio formale di consegna della cassa del Comune dall’ex sindaco, Paolo Foti, al suo successore Vincenzo Ciampi. Dopo una valutazione da parte dell’assessore al Bilancio, Gianluca Forgione, del dirigente alle finanze, Gianluigi Marotta, e del collegio dei revisori, c’è stata la consegna formale con l’aggiornamento dei dati al giorno della proclamazione del nuovo primo cittadino.

Rispetto alla data del 31 dicembre 2017, i soldi presenti in cassa sono molti di più e ammontano a quasi 8 milioni di euro, ma «quasi tutti vincolati – spiega Forgione – L’attività che porremo in essere è quella di verificare i vincoli e i sotto-conti per controllare lo stato di pagamento di queste somme trasferite da altri enti e che risultano giacenti al Comune». Si tratta in sostanza di fondi legati a iniziative comunali finanziati da altri enti, come può essere nel caso dei lavori pubblici, ma anche di altri settori come quello del sociale.

La consegna formale della cassa, con conseguente aggiornamento del suo contenuto, arriva a una settimana dalla conferenza di Forgione sui conti comunali. «Anche nella relazione dei conti dei revisori era risultava questo utilizzo della cassa vincolata, chiariamo che è una cosa prevista dalla legge, ma è necessario ricostruire i vincoli al fine dell’esercizio finanziario, cosa che invece non risulta essere stato effettuato. Tutto ciò comporta che il Comune ha utilizzato più cassa di quello che poteva fare in termini di vincoli».

Nessuna novità sostanziale, invece, su quel Consuntivo bocciato dai revisori dei conti: «E’ passata appena una settimana e il conto consuntivo riguarda un anno finanziario del Comune – sottolinea Forgione – Questa amministrazione si è appena insediata quindi non ha cognizione degli atti posti in essere, sicuramente avremo bisogno di altro tempo per quantificare il disavanzo di amministrazione».

Dall’esito delle verifiche dei conti comunali, dipenderà anche il futuro di alcune promesse fatte in campagna elettorale dai 5 Stelle e Ciampi, tra cui il reddito di cittadinanza. «Abbiamo sempre detto che, laddove il bilancio di previsione fosse stato attendibile, avremmo posto in essere una serie di attività tra cui il reddito di cittadinanza in via sperimentale – sottolinea l’sponente delle esecutivo Ciampi -. Alla luce della situazione che abbiamo riscontrato e della quantificazione del maggior disavanzo, compreso l’impatto che avrà sugli esercizi finanziaria del prossimo triennio, è da rivedere l’operazione da porre in essere. Sicuramente, però, sociale faremo tutto ciò che ci consentiranno le condizioni finanziarie».

Forgione, inoltre, è anche assessore al patrimonio, quindi dovrà affrontare anche la questione attinente alla piscina comunale. «Stiamo verificando le attività da porre in essere. Per quanto riguarda il patrimonio in generale, chiederò al dirigente di settore di mettere online l’elenco di tutti i beni immobili con l’indicazione dei rapporti contrattuali, i canoni e specifica evidenza dei beni per i quali non abbiamo dei vincoli contrattuali e quindi dare informazione chiara e dettagliata».

La situazione sulla piscina, intanto si fa critica e questa amministrazione dovrà decidere come procedere. Il precedente governo aveva già pensato a elaborare un altro bando per darla in gestione nel caso in cui si fosse reso necessario. «Ne stiamo discutendo, quindi vedremo nei prossimi giorni», conclude l’assessore al Bilancio.