Forestali, sindacati nazionali si appellano al Prefetto Musolino

10 dicembre 2013

Avellino – I segretari nazionali di Uila UIL, Stefano Mantegazza, Fai CISL, Augusto Cianfoni, e Flai CGIL, Stefania Crogi, scrivono al Prefetto di Napoli Francesco Antonio Musolino per richiedere la convocazione di un tavolo che veda presenti il Governatore Stefano Caldoro, gli assessori regionali all’agricoltura e foreste e al bilancio nonché i Presidenti delle Comunità Montane della Regione. “Come Lei sa – si legge – quindici giorni orsono l’Operaio Francesco Argenio si è tolto la vita, incapace di sopportare oltre l’umiliazione a cui l’insipienza di Amministratori allo stesso tempo arroganti e incapaci lo avevano costretto.
Ieri mattina la Vertenza ha fatto il fatidico salto di qualità: centinaia di operai hanno invaso le vie di Napoli per farsi ascoltare, ma l’unica risposta è stata quella della Questura i cui Agenti hanno prima caricato i dimostranti e poi trattenuti una decina di essi per essere interrogati. Eccellenza, nello Stato di diritto di cui Lei è servitore, ogni giorno – purtroppo – i responsabili di misfatti e di arbitrii scambiano il loro ruolo con le vittime dei loro stessi abusi. Lei deve intervenire affinché questa indecente mistificazione abbia termine. Convochi tutti gli attori (Regione – Comunità Montane e Sindacati Regionali) al fine di trovare finalmente una via d’uscita a questa gravissima situazione che l’avvicinarsi delle Festività natalizie rischia di aggravare in drammi familiari cui nessuno vuole neppure pensare”.