Fondi per i piccoli comuni, Pavoncelli Bis e Lioni-Grottaminarda: il punto del Sottosegretario Sibilia

Fondi per i piccoli comuni, Pavoncelli Bis e Lioni-Grottaminarda: il punto del Sottosegretario Sibilia

11 gennaio 2019

Renato Spiniello – Piano investimenti per i piccoli comuni, ma anche le eterne incompiute come la galleria idrica Pavoncelli Bis e la Lioni-Grottaminarda: il Sottosegretario agli Interni Carlo Sibilia ha voluto fare il punto per promuovere, da un lato, la manovra finanziaria che stanzia, già dal 1 gennaio, 400 milioni di euro per i comuni inferiori ai 20mila abitanti e, dall’altro, fare chiarezza rispetto le preoccupazione sollevate sul completamento delle due opere.

“Partiamo dalle ottime notizie – esulta l’esponente di Governo – il Ministero dell’Interno ha emanato un finanziamento di 400 milioni di euro da dividere tra tutti i piccoli comuni d’Italia. I fondi saranno distribuiti in maniera mirata in base al numero degli abitanti per comune e destinati a finanziare opere pubbliche, interventi a favore di strade, scuole, edifici pubblici, messa in sicurezza delle infrastrutture e patrimonio culturale. Per la prima volta lo Stato non utilizza i comuni come bancomat ma li rende centrali e li aiuta investendo nella manutenzione dei beni pubblici e nel completamento dei cantieri in essere”.

Un’opportunità, insomma, da non perdere per zone come l’Irpinia e il Sannio. Nella nostra provincia, infatti, 116 comuni su 118 (esclusi sono Avellino e Ariano) potranno accedere al contributo, per un totale in Campania di 480 su 550. “E’ una grande notizia soprattutto a livello locale – continua ancora Sibilia – il Movimento5 Stelle rispetta tutte le promesse fatte in campagna elettorale e dimostra che il nostro è un programma tagliato per le esigenze dell’Irpinia. L’appello che rivolgo ai sindaci e alle amministrazioni beneficiarie dei fondi è di farsi subito vivi (c’è tempo fino a maggio, ndr) e di capire che c’è un’attenzione particolare nei loro confronti da parte del Viminale”.

Capitolo Infrastrutture. Per la galleria che trasporterà l’acqua alla Valle del Sele fino a Conza della Campania per collegarsi all’Acquedotto Pugliese il Governo Lega-M5s ha prorogato al 31 maggio 2019 i poteri del Commissario Roberto Sabatelli, ma la questione è ancora in discussione perché l’intenzione è di rientrare sotto l’egida ordinaria. Diversa la situazione per il Commissario della Lioni-Grottaminarda Filippo D’Ambrosio che ha terminato il suo contratto. Scelte, quest’ultime, così motivate dall’esponente dell’esecutivo giallo-verde: “Per la prima stiamo pensando alla gestione in capo al Provveditorato alle Opere Pubbliche, mentre per la seconda si è deciso di non continuare a prorogare la gestione commissariale arrivata a naturale scadenza e passare invece a quella ordinaria. L’opera stessa, come tutte quelle strategiche, è sotto la lente d’ingrandimento della nostra analisi costi-benefici. In caso si decida di proseguire dovremo farlo con la massima celerità. Stop ai ritardi.

Il M5s – aggiunge Sibilia – si è da sempre opposto alle gestioni commissariali, a maggior ragione a una gestione che risale al post terremoto dell’80. Abbiamo ritenuto coerente e opportuno non prorogare il contratto del commissario. Non entro nel merito dell’opera – prosegue il Sottosegretario – ma la sua gestione sarà oggetto di attenta analisi in quanto le infrastrutture devono essere utili a sviluppare il territorio e non fini a se stesse. Il business non si fa sull’opera ma su quello che ne deriva dalla stessa. Il Governo del cambiamento non può permettersi gestioni così poco eccellenti e crede in uno Stato efficiente che possa, senza creare disagi, velocizzare il completamento di infrastrutture che da trent’anni sono ferme”.