Focus group Alta Irpinia con Fabrizio Barca a S. Angelo dei Lombardi

9 giugno 2014

Focus group area interna «Alta Irpinia». Al Castello di Sant’Angelo dei Lombardi, martedì 10 giugno, convegno sui progetti della zona con Fabrizio Barca, Dirigente generale al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed ex Ministro della Coesione territoriale. Barca sarà in Irpinia con una delegazione ministeriale per osservare da vicino le idee emerse per i prossimi anni. Tutti i temi in discussione e le esperienze concrete che verranno presentate sono infatti inseriti nelle linee guida della nuova programmazione europea 2014-2020. Spazio per sviluppo locale, mobilità, scuola, salute, ambiente.
Si comincia alle 9.00 con i saluti del sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi, Rosanna Repole. A seguire, il saluto dell’amministrazione regionale con la presentazione dei risultati del laboratorio territoriale, Ufficio del Federalismo/ Programmazione Unitaria/Formez Linea 6-Capacità istituzionale.
L’illustrazione del tema 1, quello dello Sviluppo locale, sarà affidata a Mario Salzarulo, coordinatore del Gal Cilsi, a Donato Tartaglia, presidente Museo di Aquilonia e a Michele Barbato per il progetto «Ecomuseo».
Subito dopo si affrontano i temi di Mobilità, Scuola, Salute, con gli interventi dei vari referenti provinciali, regionali e nazionali. Inoltre si discuterà di Banda Larga. Per l’Ambiente interviene Anna Savarese, vicepresidente regionale di Legambiente. Le osservazioni saranno a cura dei rappresentanti istituzionali e dell’Anci. Conclusioni affidate a Fabrizio Barca. La mattinata di lavori termina alle ore 12.00.
“Fabrizio Barca è un amico dell’Irpinia. Già da ministro aveva preso a cuore questa terra”, dichiara il sindaco di Sant’Angelo dei Lombardi, Rosanna Repole. “Adesso, come rappresentanti del territorio, noi dobbiamo essere puntuali nella presentazione e nello sviluppo dei vari progetti. Quella di domani – conclude Repole – è un’occasione da non perdere per un primo rilancio concreto delle nostre zone”.
Cos’è il Focus Group? Sullo stato dei progetti è prevista una “missione” presso le aree individuate da ciascuna regione, allo scopo di verificare la candidabilità delle aree pre-selezionate anche attraverso un confronto diretto con le realtà territoriali. Quella di Sant’Angelo dei Lombardi è una tappa importantissima per le aree interne del Mezzogiorno.