Fma – Iannaccone: “Vi porterò a Roma, il Governo vi dovrà ascoltare”

15 febbraio 2010

Pratola Serra – “La vertenza Fma è stata sottovalutata dalla istituzioni, ora occorre una nuova politica industriale che coinvolga l’Fma di Pratola Serra e che garantisca un futuro ai tanti lavoratori di questo stabilimento. ”. E’ quanto ha dichiarato Arturo Iannaccone, segretario Nazionale di Noi Sud, che stamani ha partecipato all’inaugurazione della tenda “orgoglio metalmeccanico”, allestita dalle RSU dell’Fma davanti ai cancelli dello stabilimento di Pratola Serra.

Il segretario Nazionale di Noi Sud, accompagnato dal vicesindaco di Solofra, Antonio De Vita, ha invitato i lavoratori ad andare a Roma: “chiederò al Governo di ricevervi- ha affermato Iannaccone – e di ascoltare tutte le vostre ragioni e le vostre sacrosante rivendicazioni”.

Il Deputato irpino ha poi illustrato ai lavoratori i punti cardini della nuova interrogazione parlamentare che si accinge a presentare al Ministro Scajola: “un quesito al quale – ha spiegato il segretario di Noi Sud – il Governo dovrà dare una risposta netta e definitiva, chiarendo qual è il futuro che attende uno stabilimento che è fondamentale per tutto l’apparato produttivo irpino.”

“Per quanto ci riguarda– ha aggiunto – non è prorogabile alcun sostegno da parte del Governo a tutto il settore auto che avvenga in assenza di garanzie sui livelli occupazionali e di mantenimento delle produzioni in Italia e nel Mezzogiorno. E tantomeno è pensabile che i lavoratori del Sud debbano continuare a soccombere, pagando continuamente il prezzo di un ormai insopportabile divario economico che separa il Mezzogiorno dal resto del Paese. D’ora in poi, occorre mettere in campo una nuova politica industriale che coinvolga lo stabilimento del Fma portando qua la produzione dei motori ecologici e di bassa cilindrata.”

”Sono stato il primo a mostrare interesse per la vertenza Fma di Pratola Serra, non è un titolo di merito, ma la consapevolezza profonda della difficoltà che vivono i lavoratori e le loro famiglie la conosco bene, essendo assessore alle attività produttive del comune di Solofra dove il comparto della concia negli ultimi anni drasticamente si è ridotto perdendo addetti”. Così Antonio De Vita esponente di Noi Sud , a margine della visita alla tenda dei lavoratori Fma a Pratola Serra accompagnato dal parlamentare Arturo Iannaccone e dal consigliere provinciale Carmine De Angelis.

”La mia non è stata una iniziativa elettorale – ha assicurato ai lavoratori De Vita – per questo ho ritenuto giusto coinvolgere sia il parlamentare Iannaccone che il nostro capogruppo in consiglio provinciale Carmine De Angelis. Come amministratore locale ho dato la disponibilità a prendere parte attiva ad un tavolo permanente sulla Fma insieme a tutta la classe politica irpina. Questa è una vicenda dove i colori partitici non tengono: c’è in ballo il destino di una provincia”.

“La mia speranza – afferma – è la stessa degli operai: auspico un incontro a breve con i vertici del gruppo Fiat in maniera tale che si faccia chiarezza sul futuro dello stabilimento di Pratola Serra”. “Questo è il momento della solidarietà – conclude De Vita – solo dopo dobbiamo ragionare come Regione dell’impegno a sostegno della Fma e di tutto l’indotto metalmeccanico: non bisogna mai dimenticare che l’automotive è il principale motore dell’occupazione in Irpinia”.

Iannaccone, in conclusione, ha comunicato ai lavoratori l’intenzione di chiedere alla Presidenza del Consiglio Provinciale di convocare anche gli esponenti delle rappresentanze sindacali unitarie alla conferenza dei capigruppo prevista per domani, 16 febbraio.

Intanto, comunica Noi Sud, il gruppo consiliare alla Provincia facente capo ad Arturo Iannaccone ha chiesto al Presidente del Consiglio Provinciale, Vincenzo Alaia, di convocare anche le Rappresentanze sindacali unitarie della Fma in occasione delle audizioni che si terranno nei prossimi giorni, finalizzate ad affrontare lo stato di crisi nel quale versa lo stabilimento di Pratola Serra.