Figc-Campania, l’avv. Pucino: “Campionato di Promozione falsato”

Figc-Campania, l’avv. Pucino: “Campionato di Promozione falsato”

20 aprile 2016

Questa mattina su RadioMarte è andata in onda un’intervista al Giudice Sportivo, l’avvocato Filippo Pucino del Comitato Regionale Campania, che si può ascoltare integralmente sul sito di Radio Marte, durante la trasmissione “La Radiazza”.

Di seguito riportiamo un estratto della lunga intervista: “É stata mutata una mia delibera che, io, ho adottato il 12 gennaio, da me redatta e consegnata in forma dattiloscritta al computer e sottoscritta. La delibera non fu pubblicata e riguardava la società Juve Pro Poggiomarino, che si ritirava dal campionato con effetto immediato dalla comunicazione avvenuta il 4/01/2016. L’articolo 53 noif prevede che, se una società si ritira nell’ambito del girone di andata, si annullano tutte le gare disputate. Viceversa se avviene il ritiro durante il girone di ritorno si danno per il resto delle partite da disputare il risultato della perdita a tavolino per 0-3. La denuncia avveniva il due gennaio e quindi essendosi disputata solo l’ultima gara di campionato del girone di andata annullai tutte le partite disputate sino ad allora. Fu pubblicata una delibera diversa, cioè che veniva dato il 3-0 per tutte le altre gare da disputare nel girone di ritorno e convalidate le gare di andata.”

L’avvocato Pucino ha denunciato questa situazione che ha pagato sulla sua pelle: “Sono stato sospeso dopo 24 anni di collaborazione col Comitato Campano. Volevano che io firmassi una delibera retrodata affinchè si confermasse che quella pubblicata fosse stata quella redatta da me. Cosa che non ho mai fatto. Questa cosa ha mutato completamente la classifica di Promozione – Girone A, indi per cui il campionato è stato completamente falsato”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.