Falso ideologico, Procura sequestra 4 depositi alla Pescatore

29 agosto 2014

Avellino – La Squadra Mobile di Avellino, su provvedimento emesso dalla Procura di Avellino coordinata da Rosario Cantelmo, ha disposto il sequestro preventivo di quattro depositi giudiziari della ditta ”Pescatore Servizi alle Imprese s.r.l.”. I siti sequestrati sono quelli di via Loreto Vecchio e via Santangelo a Mercogliano, quello di via Calcara di Visciano ad Avella e quello di via Valle Pesci a Monteforte Irpino.

L’INDAGINE. Il reato ipotizzato è quello di falsità ideologica continuata in relazione alla gestione dei depositi giudiziari. Nel corso delle indagini è emerso che la ditta svolge la predetta attività di deposito in siti per i quali non risulta rilasciato alcun tipo di autorizzazione e che non sono rispettate le normative sugli infortuni e la sicurezza sul lavoro.
In particolare, la penetrante ed accurata attività svolta dalla squadra Mobile ha consentito di accertare l’illecita modalità di gestione dei siti sopra citati, caratterizzata dall’ampliamento illegale delle aree destinate a deposito senza alcun tipo di autorizzazione – con lo scopo evidente di aumentare la capienza dei posti disponibili – o dall’utilizzo di spazi per i quali non vi era alcun decreto prefettizio di autorizzazione.

I DEPOSITI. I siti interessati dal provvedimento di sequestro sono i seguenti:
• Mercogliano – Via Loreto Vecchio;
• Mercogliano – Via Santangelo;
• Avella – Via Calcara di Visciano;
• Monteforte Irpino – Via Valle Pesci.

Dei predetti quattro siti, solo il primo è inserito nelle liste delle depositerie regolarmente abilitate, ma per numero di veicoli di gran lunga inferiore a quelli realmente presenti; gli altri invece sono del tutto privi di titoli autorizzativi.