Ex Irisbus, l’ennesima fumata grigia dal tavolo al Mise: si ritorna a Roma a marzo

Ex Irisbus, l’ennesima fumata grigia dal tavolo al Mise: si ritorna a Roma a marzo

4 febbraio 2016

Ancora un incontro interlocutorio a Roma sulla vertenza Industria Italiana Autobus (IIA).

E’ da poco terminato il tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico sulle questioni dell’ex Irisbus in Valle Ufita. Le parti si sono aggiornate (ma la data è da confermare) al prossimo 2 marzo alle ore 17, giorno in cui l’ad di IIA, Stefano Del Rosso, dovrà fare chiarezza rispetto all’aumento di capitale dell’azienda, passaggio propedeutico all’approvazione da parte di Invitalia al fondo per la ristrutturazione dello stabilimento.

Del Rosso ha spiegato ai funzionari del Mise, Regione Campania e alle parti sociali giunte in via Molise che il CdA di IIA ha dato il via libera all’aumento di capitale e che lo stesso ora dovrà passare al vaglio dell’assemblea dei soci azionisti (che vede anche Finmeccanica protagonista).

“I dubbi restano sui tempi – ha spiegato Sergio Scarpa della Fiom di Avellino – Questo pomeriggio ha illustrato il Piano industriale che per larga parte risulta essere identico a quello già mostrato. Entro fine mese, secondo quanto emerso oggi, si dovrà convocare l’assemblea dei soci che dovrà pronunciarsi sulla ricapitalizzazione così da avere le idee più chiare per marzo e capire così quando ci saranno gli investimenti e quando la ripartenza della fabbrica”.

CASSA INTEGRAZIONE – Nessuna novità di rilievo neanche sul capitolo cassa integrazione che sarà sempre erogata nella misura di 800 euro lorde.