Ex Irisbus, lavoratori allo sbando: nuovo appello ai parlamentari

Ex Irisbus, lavoratori allo sbando: nuovo appello ai parlamentari

17 gennaio 2019

Tornano al Mise per chiudere la vertenza IIA. L’ennesimo appello alla delegazione parlamentare irpina arriva dalle segreterie di Fim, Fiom, Uilm, Failms e Ugl preoccupate dalle recenti dichiarazioni dell’amministratore delegato Bene che ha precisato “che la società subisce quotidianamente perdite pari ai ricavi”. “Si è inoltre ridotto – ha ancora precisato il manager – il portafoglio di commesse di cui disponeva l’azienda”.

Il confronto al Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe servire a fare chiarezza sul nuovo assetto societario di Industria Italiana Autobus. Ma il sindacato chiede anche un vertice al Ministero del Lavoro per definire gli ammortizzatori sociali per i 289 lavoratori dell’ex Irisbus di Flumeri.

“Intanto – si legge ancora nella nota sindacale – non sono stati predisposti i pagamenti degli stipendi di dicembre in quanto non è stato rinnovato il Durc, a causa del mancato pagamento dei contributi previdenziali da parte della vecchia società”.