Europee, toto nomi: spunta Angelo Giusto, certo nel Pdl Gargani

15 aprile 2009

Incombono le prime scadenze elettorali, soprattutto per le elezioni europee. I partiti si organizzano, anche a causa dello sbarramento del 4%. Chi non supera tale soglia resterà fuori dall’Europarlamento. A fare da battistrada è stata una federazione di sinistra che comprende Sinistra Democratica, Movimento per la Sinistra, Verdi, Socialisti che si raggruppano sotto Sinistra e Libertà. Sarebbero intenzionati a fare altrettanto anche nell’orbita del centrodestra ben quattro, se non cinque partiti: alla già ufficializzata posizione di Movimento per l’Autonomia di Lombardo con La Destra di Storace, si aggiungerebbero Alleanza di Centro di Pionati, I Pensionati di Fatuzzo e probabilmente la Fiamma Tricolore di Romagnoli. Un concentrato di forze con il chiaro intento di voler superare lo sbarramento e contare anche a Strasburgo. Intanto la macchina elettorale sta scaldando i motori. Entro il 23 aprile, infatti, dovranno essere convocati i comizi elettorali, con appositi provvedimenti predisposti dai Prefetti. E già tra domenica e lunedì bisognerà depositare i contrassegni di lista presso il Ministero dell’Interno. Pochi, fino ad ora, i nomi certi. Sicura la candidatura del premier Silvio Berlusconi, annunciata già da un paio di settimane, mentre il leader del Pd Dario Franceschini non ci sarà. Ancora da sciogliere del tutto il nodo delle candidature dei ministri: sicura quella del ministro per le Riforme Umberto Bossi, che sarà capolista per la Lega in tutte le circoscrizioni, tutti gli altri rappresentanti del Carroccio non parteciperanno in prima persona alla competizione.

TRA I MINISTRI Il ministro della Difesa Ignazio La Russa dovrebbe essere capolista nella circoscrizione Nord Ovest. Tra i nomi circolati in questi giorni anche quelli del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, del Guardasigilli Angelino Alfano e del titolare dello Sviluppo economico Claudio Scajola.

PARTITO DEMOCRATICO Cinque le candidature piemontesi del Pd per la circoscrizione Nord Ovest che vedrà come capolista il sindaco uscente di Bologna Sergio Cofferati. I nomi sono quelli dell’europarlamentare uscente Gianluca Susta, di Maria Lucia Centillo, consigliere comunale a Torino, di Giorgio Ferrero, già presidente regionale di Coldiretti, di Roberto Placido, vice presidente del Consiglio regionale del Piemonte e di Maria Luigia Simeone, sindaco di None. Per la Toscana (Circoscrizione Centro Italia) saranno candidati il sindaco uscente di Firenze Leonardo Domenici, l’eurodeputata uscente Monica Giuntini e la campionessa olimpionica di windsurf Alessandra Sensini. In Campania, per la Circoscrizione Sud, i papabili sono l’assessore regionale alle Attività produttive Andrea Cozzolino, l’ex assessore alla Sanità Angelo Montemarano, gli europarlamentari uscenti Graziella Pagano e Andrea Losco, la giornalista de ‘Il Mattino’ Rosaria Capacchione, il vice presidente della Provincia di Salerno Giovanni Iuliano. Nella Circoscrizione di Centro, per quanto riguarda il Lazio, in lizza per fare il capolista c’è il veltroniano Goffredo Bettini, già coordinatore del Pd. Si contendono un posto in lista l’assessore regionale alla Scuola Silvia Costa e Gabriele Mori, direttore generale dell’Enpaia, l’Ente di previdenza per addetti ed impiegati nell’agricoltura. Tra i possibili candidati anche l’assessore regionale al Commercio Francesco De Angelis e il presidente del Consiglio regionale Guido Milana, oltre a Luisa Laurelli, consigliere regionale e presidente della Commissione sicurezza. Il Pd calabrese ha avanzato tre candidature: l’europarlamentare uscente Donato Veraldi, l’assessore regionale all’Agricoltura Mario Pirillo e l’assessore regionale al Personale Liliana Frascà. Nel Nord Est il capolista potrebbe essere Vittorio Prodi, europarlamentare uscente, ma in lizza c’e’ anche il segretario regionale del partito in Emilia Salvatore Caronna. Tra le candidature sicure quella di Debora Serracchiani, 39 anni, avvocato specializzato in cause del lavoro e consigliere provinciale a Udine. Nella Circoscrizione Isole capolista sarà Rita Borsellino, mentre ha rinunciato alla candidatura Sergio D’Antoni. Restano in corsa per il Sud il capodelegazione del Pd al Parlamento europeo Gianni Pittella e Paolo De Castro, ex ministro prodiano e ora presidente di ‘Red’, l’associazione vicina a ‘Italianieuropei’. In lista potrebbero esserci anche l’ex ministro ed ex sindaco di Catania Enzo Bianco, oggi senatore, e l’europarlamentare uscente Luigi Cocilovo. Cresce la richiesta della Sardegna per avere un eurodeputato: il nome circolato nei giorni scorsi è quello dell’ex Governatore Renato Soru.

LEGA NORD La Lega dovrebbe ricandidare gli europarlamentari uscenti Mario Borghezio, Francesco Speroni ed Erminio Boso, mentre nei giorni scorsi erano circolati i nomi del sindaco di Verona Flavio Tosi e del docente ed esperto di strategie e politiche internazionali Enrico Jacchia che potrebbe essere candidato nella Circoscrizione Centro.

ITALIA DEI VALORI La delegazione dell’Idv sarà guidata dal suo leader Antonio Di Pietro “fino alle elezioni”. Di nomi di candidati certi ce ne sono già parecchi: l’ex Pm di Catanzaro Luigi De Magistris, il filosofo Gianni Vattimo, l’esperto di droga e mafia Pino Arlacchi, Sonia Alfano, figlia del giornalista ucciso dalla mafia, l’ex hostess Alitalia Maruska Piredda, Maurizio Zipponi, per molti anni segretario della Fiom di Brescia ed ex deputato del Prc, il giornalista Carlo Vulpio, Giovanni Pesce, avvocato del magistrato Clementina Forleo. Nella circoscrizione Sud anche il professore Alberto Lucarelli, ordinario di Diritto Pubblico all’Università Federico II di Napoli.

UDC Per l’Udc le punte di diamante sono l’ex ragazzo d’oro del calcio italiano Gianni Rivera, che sarà capolista nella Circoscrizione del Centro e Magdi Cristiano Allam, fondatore del movimento ‘Protagonisti per l’Europa cristiana’, convertitosi al cristianesimo un anno fa. L’ex vice direttore del Corriere della Sera sara’ capolista nel Nord Ovest. Tra i candidati anche il deputato ex Pd Pierluigi Mantini, il senatore Luca Marconi, vice sindaco di Recanati e Luciano Ciocchetti. Nella Circoscrizione Isole l’Udc schiererà Saverio Romano, segretario regionale in Sicilia e responsabile dell’organizzazione nazionale, i due assessori regionali siciliani Pippo Gianni e Antonello Antinoro, uno tra il senatore Gianpiero D’Alia e il deputato Giuseppe Naro. Tra i candidati in corsa per un seggio a Strasburgo anche il consigliere del Csm Ugo Bergamo. Ciriaco De Mita sarà della partita, come Domenico Zinzi.

SINISTRA La sinistra va alla sfida di Strasburgo divisa. Da una parte c’è la lista della neonata ‘Sinistra e liberta’, che riunisce Verdi, socialisti, Sinistra democratica e il Movimento per la sinistra del Governatore della Puglia Nichi Vendola. Dall’altra, la lista Pdci – Prc. Lo stesso Vendola, il coordinatore del Partito socialista Marco Di Lello, l’ex presidente della Provincia di Napoli Dino Di Palma, i consiglieri regionali Antonella Cammardella (area vendoliana), Michele Ragosta (Verdi) e Angelo Giusto (Sd) dovrebbero essere in lista, insieme ai deputati europei uscenti: Monica Frassoni dei Verdi, Roberto Musacchio (area vendoliana), il segretario di Sinistra democratica Claudio Fava (Sd), Umberto Guidoni, l’astronauta ex Pdci, i socialisti Alessandro Battilocchio e Pia Locatelli e forse anche l’ex Prc Vincenzo Aita. Tra i candidati potrebbe esserci anche il soprintendente al Polo Museale di Napoli Nicola Spinosa. Ci sarà sicuramente Giuliana Sgrena, la giornalista del ‘Manifesto’ rapita nella primavera del 2005 da un gruppo di fondamentalisti a Baghdad, in Iraq e rilasciata dopo alcuni giorni, purtroppo con conseguenze drammatiche per Nicola Calipari, l’agente dei servizi che era riuscito a liberarla. Dall’altra parte l’accoppiata Pdci – Prc, insieme all’Associazione Socialismo 2000 di Cesare Salvi e a Consumatori uniti, potrebbe far scendere in campo i leader Oliviero Diliberto e Paolo Ferrero, insieme a Cesare Salvi, l’europarlamentare uscente Vittorio Agnoletto e l’astrofisica Margherita Hack.

POPOLO DELLA LIBERTA’ Per quanto riguarda il Pdl, in Sicilia potrebbe essere candidato l’ex senatore Nino Strano, che nell’aula di palazzo Madama fu ripreso da fotografi e cameramen nell’atto di ‘papparsi’ platealmente una corposa fetta di mortadella proprio nel momento in cui cadeva il governo guidato da Romano Prodi. Sempre per il centrodestra sarà confermato Mario Mauro, vice presidente del Parlamento europeo. Nella rosa dei nomi del Pdl figurano anche i parlamentari europei uscenti Roberta Angelilli, l’assessore comunale di Roma al patrimonio Alfredo Antoniozzi, Stefano Zappala’. Una new entry dovrebbe essere quella del capogruppo alla Regione Lazio Alfredo Pallone. Tra i candidati potrebbe esserci anche la showgirl pugliese Barbara Matera. Ci sarà Giuseppe Gargani, Fulvio Martusciello, Generoso Andria, Clemente Mastella, Riccardo Ventre, Luciano Schifone. A destra del Pdl c’è il connubio tra La Destra di Francesco Storace e il Mpa di Raffaele Lombardo. Presenteranno la lista solo in tre circoscrizioni. Sembrerebbe sicura la candidatura di Teodoro Buontempo nella Circoscrizione del Centro. Nel caso di accordo con Pensionati e Adc di Pionati, scenderanno in campo al Sud tra gli altri Carlo Fatuzzo, Tommaso Barbato, Gigi Loperfido. Da aggiungere anche Luca Romagnoli nel caso in cui l’accordo avvenga con la Fiamma Tricolore.