Euromobiliare, ecco i primi rimborsi per i clienti raggirati

Euromobiliare, ecco i primi rimborsi per i clienti raggirati

8 marzo 2017

Nella vicenda della truffa alla Euromobiliare arrivano i primi rimborsi ai clienti raggirati.

Questa è la novità – senza dubbio più importante – del caso che vede al centro dell’indagine L. C., ex consulente dell’istituto del gruppo Credem, accusato di aver creato un ammanco ai danni di 30 dei 120 clienti che gli hanno affidato 25 milioni.

Alcuni clienti, per un patrimonio complessivo di circa 5 milioni, sono assistiti dall’avvocato irpino Antonio Rapolla, che a Il Mattino ha spiegato come si sono accorti della distrazione del proprio denaro: “La constatazione dell’illegittima movimentazione è avvenuta allorquando molti clienti, allo scopo di verificare il conto, hanno rinvenuto un saldo minimo, in quanto le somme erano state utilizzate nel corso degli anni e bonificate per la sottoscrizione di fondi, ma non su loro richiesta. Clienti inconsapevoli che si sono visti movimentare il conto anche per centinaia di migliaia di euro”.

L’avv. Rapolla è riuscito a ottenere la restituzione di alcune somme sottratte. “Ad oggi rivela tre posizioni risultano definite mediante i rimborsi richiesti, mentre altre sono in fase di definizione. Per alcuni clienti la posizione è difficoltosa, in quanto gli originari correntisti, in alcuni casi risalenti agli anni 90, sono deceduti e subentrando gli eredi vi è difficoltà nella ricostruzione della movimentazione, considerando che la banca mette a disposizione gli estratti e la documentazione riferiti agli ultimi 10 anni”.