Espulso dall’Italia vuole vedere il fratello detenuto a Bellizzi: accompagnato al Cpr di Bari

Espulso dall’Italia vuole vedere il fratello detenuto a Bellizzi: accompagnato al Cpr di Bari

29 gennaio 2020

Gli Agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura hanno denunciato in stato di libertà un cittadino di nazionalità marocchina, di anni 20, perché inosservante al decreto di espulsione dal territorio nazionale.

L’episodio ha avuto luogo nella serata di ieri quando la pattuglia di servizio è intervenuta nei pressi della Casa Circondariale di Avellino dove, il 20enne, a seguito del diniego di colloquio con il fratello detenuto in carcere, peraltro non concessogli in quanto richiesto ben oltre l’orario di visite, dopo aver inveito contro gli Agenti di Polizia Penitenziaria, ha minacciato, per protesta, di procurare danni alle auto in sosta nelle vicinanze.

Giunti sul posto gli Agenti hanno individuato il giovane che alla vista dei poliziotti, nel tentativo di eludere il controllo, si è dato a rapida fuga, interrotta dopo pochi metri, tenuto conto che è stato prontamente bloccato e condotto in Questura.

Da accurati accertamenti esperiti, è emerso che lo stesso era gravato da precedenti penali e pregiudizi di Polizia per delitti contro la persona e il Patrimonio, altresì era stato scarcerato da pochi giorni e munito di Decreto di espulsione emesso dal Prefetto di Avellino e contestualmente da ordine del Questore a lasciare il territorio nazionale.

Pertanto, al termine degli accertamenti è stato denunciato alla Procura della Repubblica e accompagnato presso il CPR di Palese (Bari).