Emergenza rifiuti, il sindaco “avverte” Irpiniambiente: non tollereremo rallentamenti del servizio

Emergenza rifiuti, il sindaco “avverte” Irpiniambiente: non tollereremo rallentamenti del servizio

23 agosto 2019

Alpi – Dalla lettera-appello di Luca Cipriano agli aspetti di più stretta attualità, il sindaco di Avellino, a margine della presentazione del bando Pics, ha toccato alcuni argomenti. Quello più “caldo” è la paventata emergenza rifiuti che potrebbe sbucare dietro l’angolo a causa del diniego, di diverse impianti del Nord, ad accogliere la frazione organica dell’immondizia smaltita in Irpinia. Gianluca Festa “avverte” Irpiniambiente: “Come Comune di Avellino, che versa puntualmente il dovuto, non possiamo essere penalizzati. Siamo il socio di maggioranza relativa della società provinciale, perché su un bilancio di circa 50 milioni di euro la città ne paga 14. Grazie ai nostri pagamenti puntuali, Irpiniambiente riesce a garantire i servizi anche agli altri comuni. Quindi non dico che deve privilegiare Avellino, ma sicuramente non può penalizzarci. Non tolleremo, dunque, rallentamenti nel servizio, altrimenti di certo non resteremo a guardare”.

Il sindaco tocca anche alcuni aspetti di natura più politica, in particolare risponde a chi gli chiede se la lettera di Cipriano possa essere il preludio di accordi all’interno del Pd. “Mischiare le vicende interne al Pd con l’attività amministrativa è un errore da non commettere – afferma -. Quando sono stato eletto sindaco, ho raggiunto il risultato in forza di una squadra che mi sosteneva e di un programma che evidentemente ha convinto i cittadini. Avellino mi ha dato fiducia rispetto agli obiettivi che abbiamo illustrato in campagna elettorale: certo ci sono anche le vicende partitiche ma le lasciamo fuori da quest’aula”.

“Quello di Cipriano – dice ancora – è un gesto apprezzabile dal contenuto lodevole. Condivido con lui l’esigenza di evitare litigiosità in consiglio comunale perché così facendo non si offriamo né una buona immagine né un contributo alla comunità. Ho sempre dichiarato di essere disponibile a collaborare con le opposizioni per affrontare e risolvere problemi, ma è altrettanto evidente che il mio riferimento è la maggioranza grazie alla quale sono stato eletto, e che resta coesa e convinta dell’attività amministrativa che stiamo portando avanti. Certamente non disdegniamo collaborazione e dialogo proficui con tutti, ma di allargamento della maggioranza non se ne parla”.