Emergenza Neet, 33 milioni per la Campania. Corsi gratuiti in città

Emergenza Neet, 33 milioni per la Campania. Corsi gratuiti in città

22 ottobre 2018

Emergenza Neet, 33 milioni per la Campania. Al via corsi gratuiti in città mirati e personalizzati per la definizione di un’idea di impresa. Il progetto, denominato “Yes I start up”, punta ad agevolare i giovani Neet, tramite una rete di soggetti pubblici e privati esperti nella formazione, ad entrare nel mondo dell’imprenditoria.

I giovani partecipanti (di età fino a 29 anni che non studiano, non si formano e non lavorano) potranno, al termine del percorso formativo, candidare la loro idea imprenditoriale presentando domanda di finanziamento al fondo SelfiEmployment che finanzia, con prestiti a tasso zero per importi da 5.000 a 50.000 euro, l’avvio di piccole iniziative imprenditoriali senza la necessità di garanzie reali e/o personali. Il Fondo è gestito da Invitalia nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, sotto la supervisione del Ministero del Lavoro.

L’Italia, con 2,2 milioni di individui colpiti, è uno dei Paesi con il più alto numero di Neet in Europa. Neet è l’acronimo di Not in Education, Employment or Training: un termine che racchiude, in sostanza, tutte quelle persone che non sono in fase di studio o formazione e che, però, non hanno nemmeno un lavoro.

Per fronteggiare tale emergenza sociale, oltre che economica, il Microcredito destina per la Campania più di 33 milioni di euro. In un tale contesto, è stato firmato negli scorsi giorni un protocollo tra l’Associazione Scientifica Business Systems Laboratory, Anpal e Ente Nazionale del Microcredito finalizzato alla formazione e all’accompagnamento all’autoimprenditorialità dei giovani Neet su tutto il territorio italiano.