Emergenza immigrati, la proposta di Primavera Irpinia

Emergenza immigrati, la proposta di Primavera Irpinia

24 febbraio 2017

Tra sgomberi, sequestri Nas e strapotere delle cooperative, l’Irpinia è ormai prossima all’emergenza. Un’emergenza che presta il fianco a punti di opacità in cui si nascondono gli interessi di privati senza scrupoli e cooperative poco trasparenti che, come ben ci ha insegnato la vicenda di Mafia Capitale, da anni hanno imparato a bypassare le Istituzioni locali e a lucrare sulla vita e la disperazione dei migranti. Esemplari i casi che saranno portati al tavolo rispettivamente da Domenico Gambacorta, Sindaco di Ariano Irpino e Presidente della Provincia di Avellino, e Paolo Ciriello, Vicesindaco di Sant’Angelo a Scala, entrambi alle prese con situazioni spinose da gestire e risolvere nei propri Comuni.

Nel buio organizzativo che avvolge la questione immigrati, Primavera Irpinia prova ad aprire uno spiraglio di luce con la proposta d’istituzione di un’Agenzia Unica Intercomunale per la gestione dell’accoglienza. La proposta lanciata dall’Associazione di Sabino Morano punta a creare un corpo intermedio di controllo al fine di rendere meno difficile l’organizzazione dell’accoglienza da parte dei Sindaci.

“La nostra proposta di istituzione dell’Agenzia Intercomunale – chiosa Sabino Morano- ha lo scopo di rimettere al centro i sindaci nella gestione dei migranti. Domani ci ritroveremo al Caffè letterario di Avellino insieme Giorgio Silli, responsabile nazionale settore immigrazione Forza Italia. Partecipano alla tavola rotonda i dirigenti politici di Primavera Irpinia Ettore De Conciliis, Giovanni D’Ercole, Paolo Ferraro, Erminio Merola”.