Emergenza idrica Ariano, Puopolo: “Soluzione più vicina per località Creta”

Emergenza idrica Ariano, Puopolo: “Soluzione più vicina per località Creta”

27 aprile 2017

Si apre uno spiraglio per risolvere la problematica di località Creta ad Ariano Irpino, causata dalla rottura dell’adduttrice idrica con conseguenti problemi di percorrenza dell’omonima strada.

La società Alto Calore Servizi si è impegnata a redigere un progetto esecutivo per la sua sostituzione, nonostante non sia stata ancora chiarita la proprietà della condotta. Un aspetto che di fatto ha determinato la lunga fase di impasse e la mancata risoluzione del problema, che si trascina da diverso tempo.

“L’Alto Calore Servizi redigerà a stretto giro di tempo un progetto esecutivo per la sostituzione della parte di condotta danneggiata. Poi si procederà al ripristino della sede stradale, che toccherà al Comune insieme alla messa in sicurezza dell’area”, dichiara il vice-sindaco di Ariano Irpino, Giovannantonio Puopolo, che ha partecipato oggi al vertice in Prefettura, insieme al presidente dell’Alto Calore Servizi, Raffaello De Stefano, al presidente dell’Ato Irpino dell’Eic, Giovanni Colucci, ai funzionari della Regione Campania e del Genio Civile di Ariano Irpino. I lavori della riunione sono stati coordinati dal vice-prefetto Ines Giannini.

Nel corso dell’incontro, Comune e Alto Calore Servizi, ribadendo l’impegno a redigere il progetto esecutivo e a procedere con l’intervento, hanno evidenziato che comunque agiranno in danno al proprietario della condotta. “In merito, però, non c’è ancora chiarezza – fa sapere il vice-sindaco Puopolo -. La proprietà dell’adduttrice, realizzata negli anni ’70, secondo quanto affermato dal funzionario della Regione, l’ingegnere Ciro Pesacane, è stata trasferita all’Alto Calore. Dal canto suo, il presidente De Stefano sottolinea che la società si occupa solo della manutenzione ordinaria e non di quella straordinaria e che del presunto trasferimento della proprietà non esiste documentazione a corredo. Non solo. Il presidente De Stefano ha tenuto anche a mettere in risalto il mancato inserimento nel piano delle opere strategiche della Regione Campania il rifacimento di questa condotta e delle altre reti idriche della provincia di Avellino”, aggiunge Puopolo.

Il presidente dell’Ato Irpino dell’Ente Idrico Campano s’è dichiarato disponibile a far inserire l’intervento tra le priorità delle attività da realizzare, ma sempre dopo il via libera della Regione Campania.

“Abbiamo fatto presente al tavolo – riprende Puopolo – che la condotta si danneggia in maniera continua, provocando l’interruzione idrica ad un numero notevole di comuni per circa 40mila abitanti e determinando notevoli disagi alla popolazione, circa mille residenti, di contrada Creta. E ciò oltre ai problemi per chi vuole utilizzare questa strada di collegamento tra Ariano e Melito”.