Emergenza carceri: la Camera Penale scende in campo

Emergenza carceri: la Camera Penale scende in campo

16 agosto 2019

La condizione carceraria in Italia è ormai emergenziale!

Nel 2018 vi sono stati 148 detenuti morti, tra cui 67 suicidi. Al 7 agosto 2019, i morti sono 81 ed i suicidi 30. Un decesso ogni tre giorni .I dati del Ministero di Giustizia relativi ai detenuti presenti nelle carceri italiane al 31 luglio 2019 sono impietosi: a fronte di una capienza regolamentare di 50.480 sono presenti 60.254 detenuti di cui ben 18.518 in custodia cautelare. Il sovraffollamento, che pure di per sé integra una violazione dell’ art.3 della Cedu, rappresenta soltanto uno dei fattori di crisi: nel 35,3% delle carceri italiane non c’è acqua calda, il 7,1% non dispone di un riscaldamento funzionante, nel 20% non ci sono spazi per permettere ai detenuti di lavorare (dove ci sono, lavorare è un privilegio di pochi) e nel 27,1% non ci sono aree verdi per i colloqui coi familiari; nella stragrande maggioranza delle carceri italiane non può svolgersi alcun trattamento, per la mancanza degli educatori carcerari e di risorse umane dedicate.

In relazione a tale drammatica situazione l’attuale governo ha definitivamente affossato la riforma dell’ordinamento penitenziario, non approvando l’eliminazione delle preclusioni e degli automatismi per accedere alle misure alternative alla detenzione, che pure sono previste dalla nostra Carta Costituzionale.Rispetto al sovraffollamento carcerario, la strategia governativa è fuori dalla realtà: da una parte vi è il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, che nega la sussistenza del fenomeno; dall’altra si punta sull’edilizia penitenziaria, in una visione carcerocentrica del tutto inattuale ed inattuabile.

Per tali ragioni l’Unione delle Camere Penali Italiane, con il proprio Osservatorio Carcere, dopo aver proclamato la giornata di astensione dalle udienze il 9 luglio scorso, con un convegno nazionale a Napoli, ha deciso di aderire all’iniziativa ‘Ferragosto in carcere’, promossa dal Partito Radicale.
Il “Ferragosto in Carcere” ha soprattutto il valore simbolico di evidenziare l’importanza che deve avere nell’agenda politica il tema della detenzione. L’iniziativa prevede la visita agli istituti di pena in uno dei giorni tra il 15(giovedì) e il 18 (domenica) di agosto.

La Camera Penale Irpina visiterà la casa Circondariale di Bellizzi Irpino e l’ Icam di Lauro il 17.08. ed il Carcere di Ariano Irpino il 18.08.2019.Alla visita prenderanno parte, oltre che il Presidente della Camera Penale Irpina Avv.Luigi Petrillo ed il Responsabile Regionale dell’ Osservatorio Carcere dell’ Unione Camere Penali, Avv.Giovanna Perna, il Garante provinciale delle persone private della libertà personale, Carlo Mele, ed i Consiglieri regionali Maurizio Petracca e Francesco Todisco.


Commenti

  1. […] del carcere per ricostruire l’episodio in dettaglio. Il litigio è arrivato a pochi giorni dalla visita, nel penitenziario avellinese, di una delegazione della Camera Penale irpina.  Gli avvocati hanno […]