EleMenti, ritorna la kermesse ad Avellino

15 luglio 2014

Torna anche quest’anno EleMenti. La manifestazione, giunta ormai alla sua quarta edizione, sarà la prima in città ad impatto zero. Quattro giorni di momenti ed iniziative rivolti a tutta la cittadinanza, dai bambini ai ragazzi alle famiglie, attraverso laboratori per l’infanzia, dibattiti, promozione del territorio ed eventi musicali di rilievo come il concerto dei 99 Posse. L’appuntamento è dal 31 luglio al 3 agosto a Parco Fenestrelle. Leitmotiv della manifestazione sarà la riscoperta di un modo di vivere e tutelare l’ambiente oggi più che mai necessario in una città che sta pagando le scelte sbagliate perpetrate negli anni. Dall’amianto dell’ex Isochimica all’inquinamento industriale della Valle del Sabato alla mancata tutela dei corsi d’acqua cittadini, la città ha bisogno di essere liberata. EleMenti, nel suo piccolo, inizia con un grande esperimento. Tutte le stoviglie, dai bicchieri ai piatti alle posate ai tovaglioli, saranno rigorosamente compostabili. Nulla sarà lasciato a terra né nei cassonetti: tutti materiali saranno in “mater-bi” e contribuiranno allo sviluppo sostenibile. Si tratta di prodotti che, già nella loro fase di fabbricazione, riducono i gas ad effetto serra, l’utilizzo di energia ed eliminano il consumo di risorse non rinnovabili. In quest’ottica si inserisce anche la scelta della location: l’area del Santo Spirito, parte del più grande progetto del Parco Fenestrelle, ridefinito più volte nel corso degli anni fino a scontrarsi con la costruzione della bretella di Piazza Perugini che lo ha ridimensionato portandolo ad essere una semplice passeggiata che congiunge Atripalda con Monteforte attraversando Avellino, di cui però, ad oggi, rimane fruibile, con criticità e difficoltà, solo la zona a tutti conosciuta come Parco Manganelli (ex Parco Santo Spirito). Ogni iniziativa sarà costruita sull’idea di rispetto dei quattro elementi: acqua, aria, fuoco e terra. «L’Acqua – si legge in una nota dell’associazione – è quella del fiume Fenestrelle, attorno al quale si sviluppa lo spazio verde più importante della città: un Parco che dovrebbe estendersi da Atripalda a Torrette di Mercogliano e di cui oggi è fruibile, con difficoltà, solo l’area del Santo Spirito, dove si terrà questa quarta edizione di EleMenti. L’Aria è la leggerezza, la libertà di espressione. Non esiste per noi un linguaggio “giusto”. Crediamo nella complementarietà tra le persone, riteniamo le differenze un valore. Il Fuoco, è il focolare attorno al quale nasce la comunità, quell’energia che trasforma il cibo da necessità a momento di gioia e di condivisione. La Terra è il legame con le nostre radici, con i nostri luoghi che vogliamo difendere reinterpretandoli; è il nostro ambiente che vogliamo rispettare attraverso sforzi collettivi concreti.  La fusione tra gli elementi genera Alchimia, quella lucida follia che è motore di ognuno di noi e che ci permette di arricchirci dall’incontro con l’altro».