Edilizia sociale, Regione e Comune capoluogo nel mirino dell’Uniat

9 settembre 2005

Serino – Convocato per domani a Serino il Direttivo Provinciale della Uniat, il Sindacato Inquilini della UIL, per discutere ed approfondire una serie di problematiche interessanti il mondo dell’inquilinato pubblico e privato. Il ruolo del Governo centrale e della Regione Campania saranno al centro del dibattito che vedrà la partecipazione degli assegnatari e delegati di tutta la provincia ed anche di rappresentanti di Enti Gestori ed Istituzioni presenti sul territorio. “Assicurare sostegno economico a programmi condivisi di “nuova edilizia sociale” e di “interventi manutentivi” sul patrimonio immobiliare pubblico rappresenta sicuramente la prima rivendicazione che sarà indirizzata ai terminali governativi nazionali e regionali – si legge nella nota – Il resoconto dell’attività politica ed organizzativa, sviluppata negli ultimi mesi, sarà un ulteriore momento di approfondimento e di confronto anche per meglio calibrare le iniziative che dovranno essere assunte nel futuro. Un’attività ricca di risultati positivi, che ha consolidato e rafforzato la presenza organizzata ed il primato della Uniat sul territorio irpino quale maggiore Organizzazione dell’Inquilinato, rappresentando oltre 2600 inquilini ed assegnatari, sia privati che pubblici”. I piani di dismissione del patrimonio pubblico e la recente polemica con il Comune di Avellino sono argomenti di un ordine del giorno molto articolato che sarà illustrato dal responsabile provinciale della Uniat, Franco De Feo, mentre le conclusioni del dibattito saranno affidate al responsabile regionale Carlo Sorrentino.