“Tifosi ospiti ancora una volta padroni del Roca, ma nel calcio nulla è scontato”

“Tifosi ospiti ancora una volta padroni del Roca, ma nel calcio nulla è scontato”

5 febbraio 2016

Sfoggeranno la Coppa Italia Dilettanti Campania i prossimi avversari del San Tommaso in campionato. Trattasi infatti del Città di Nocera, secondo in graduatoria e in settimana vincitore dell’ambito trofeo contro la Sessana, vittoria che permette ai molossi di accedere alla fase finale del playoff per il passaggio in Serie D, ovvero nel massimo torneo dilettantistico.

La vigilia dell’importate match era stata animata dalla scioccante notizia dell’obbligo di disputa della gara a porte chiuse, ovviamente si è trattato di un errore di trascrizione presente nel Comunicato Regionale emesso dalla Federazione, il Roca sarà pieno per questo gustoso antipasto di calcio con inizio alle 10 e 30 di domenica mattina.

“Ancora una volta a San Tommaso la faranno da padrone gli ospiti – ha commentato alla vigilia Annino Cucciniello, vice presidente del club rionale – Io ho provato in tutti i modi ad avvicinare il pubblico alla nostra squadra, purtroppo con scarsi risultati”.

C’è da dire che dopo l’estenuante battaglia della dirigenza biancoverde, l’impianto di Rione San Tommaso è stato riaperto al pubblico e anche se gli ultimi risultati non sono stati proprio positivissimi per l’undici allenato da mister Silvestro – tra l’altro ottenuti contro squadre di ben altro blasone ed obiettivi – la squadra ristagna fuori dalla griglia playout con buone possibilità di salvarsi nel massimo torneo regionale. Obiettivo sicuramente non facile da ottenere per tante truppe irpine.

Tornando alla sfida con i rossoneri Cucciniello è sicuro: “E’ una di quelle gare dove parti sconfitto, parliamo di un club blasonatissimo che probabilmente il prossimo anno giocherà in Serie D. Il calcio però è bello perché non è mai scontato e tutto può succedere. Stiamo raccogliendo poco ultimamente ma nonostante ciò le prestazioni restano di ottimo livello, prima o poi il vento cambierà e chissà che non succeda proprio a partire da domenica“.