E Tu un buon Caffè ad Avellino dove lo bevi ?

E Tu un buon Caffè ad Avellino dove lo bevi ?

5 maggio 2015

Dove bere un buon caffè ad Avellino ? Quali sono i bar preferiti in Irpinia? Caffè espresso o corretto ?  Ecco la guida di imprenditori, professionisti, giornalisti, attori.

Lungo o ristretto, freddo o bollente, in tazza o in monouso, macchiato o corretto. Benvenuti nel mondo del caffè, un rito più che una semplice bevanda.

Per molti è il primo gesto che si compie al mattino, per altri un immancabile momento di pausa nell’arco della giornata, per altri ancora uno strumento di pubbliche relazioni.

Cinema, teatro, musica, letteratura ne hanno, negli anni, esaltato il gusto, l’aroma ma soprattutto la simbologia.

“Vedete quanto poco ci vuole per rendere felice un uomo: una tazzina di caffè presa tranquillamente qui, fuori… con un simpatico dirimpettaio”.

Così Eduardo De Filippo, concludeva il celebre monologo del caffè, forse la scena più conosciuta di Questi fantasmi.

Anche in Irpinia, così come in tutta Italia (ma al Sud con maggiore trasporto) quello del caffè è un rito a cui non si rinuncia.

Tanti i bar disseminati in ogni angolo della città, che sin dalle prime luci dell’alba aprono le loro porte per accogliere avventori di tutte le età e professioni.

Ma quali sono i bar preferiti dagli avellinesi?

Cominciamo dal mondo della politica, che al caffè è sempre stato legato come momento per stringere alleanze, studiare strategie, condividere proposte.

Paolo Foti

Paolo Foti

Il sindaco di Avellino, Paolo Foti, si divide, prevalentemente, tra il Caffè Margherita e il Bar Vincent, entrambi al Corso Vittorio Emanuele.

Chi al caffè preferisce un’aranciata amara è il presidente della Provincia, Domenico Gambacorta.

Domenico Gambacorta

Domenico Gambacorta

Il senatore Cosimo Sibilia è, invece, un aficionado del Bar Vecchia Napoli, in via Luigi Amabile, che è anche tra le prime scelte del presidente del Consiglio Regionale della Campania, Pietro Foglia.

Al caffè dell’Antica caffetteria di Piazza d’Armi è particolarmente affezionato, invece, il presidente di Soresa, Franco D’Ercole.

Tra le donne, l’assessore comunale  Maria Elena Iaverone si divide tra il Bar Cappuccini e il Bar Dallas, la consigliera comunale Laura Nargi tra il Bar Mezcla, il Bar Cappuccini ed il Saint Tropez, mentre la collega Barbara Matetich, dopo aver sorseggiato a casa il primo caffè della giornata, usa un criterio “geografico” per la scelta del suo caffè di metà mattina: a seconda della direzione dei suoi spostamenti opta per il Bar Olga o il Bar Esposito.

Il manager dell’Azienda Ospedaliera “Moscati”, Pino Rosato, è legato a quello che, per gli avellinesi, resta sempre il Bar Diana di via Verdi, pur essendo oggi griffato Esposito. In alternativa, un buon caffè lo sorseggia sempre con piacere da Moccia, sulla variante di Avellino Est.

walter taccone

Walter Taccone

Fedelissimo al suo bar è anche il presidente dell’As Avellino, Walter Taccone, che per un caffè lo si può incontrare solo al Bar dell’Accademia, a due passi dal suo laboratorio di analisi lungo Corso Vittorio Emanuele.

Il presidente della Scandone, Giuseppe Sampietro, è invece legato al caffè del Texas a Torrette di Mercogliano.

Chi non ha un unico riferimento è il notaio Fabrizio Pesiri, che si divide tra la Torteria Geck’o di Via Scandone, il Bar Nael alla Galleria Ercolino, Dolciarte e il Bar Cappuccini, mentre, rimanendo nell’ambito del notariato, Massimo Giordano è un fedelissimo del Saint Tropez, ma solo nei fine settimana.

Enzo Costanza

Enzo Costanza

L’imprenditore Geppino Di Fede, titolare dell’agenzia Easy Rider Viaggi ama la comodità del bar Le Dolcezze in Corso Europa.

L’artista Enzo Costanza al mattino non può far a meno di un salto al Bar De Pascale lungo il Corso o all’Officina del Gusto di Lapio.

Alla comodità del “bar sotto casa” non rinuncia il cabarettista Eugenio Corsi, che non inizia la sua giornata senza il caffè del Circolo Berlin di Torelli di Mercogliano.

Maura Sarno

Maura Sarno

Il Dj Elio Alaia ha il Bar del Grand Hotel Irpinia, il Texas e la Vecchia Napoli nella sua personale hit del caffè, mentre per l’altro Dj avellinese, Alberto Limone, il podio del caffè è composto da Bar Olga, Vincent e Accademia del Gusto.

Il Saint Tropez e il Bar Morelli’s, per la loro ubicazione proprio di fronte a Palazzo di Giustizia ma anche perchè tra quelli che propongono un orario prolungato, sono i bar prediletti dal mondo dell’avvocatura avellinese ma anche dal popolo della notte, da chi di andare a letto prima di aver bevuto l’ultimo caffè della giornata, proprio non ne può fare a meno.

A proposito di avvocati, il Presidente del Consiglio dell’Ordine di Avellino, Fabio Benigni, gioca in casa, apprezzando molto il caffè del bar del Tribunale. In alternativa, apprezza molto quello che servono al Caffè Margherita.

Per Luigi De Santis, ceo di Pluris srl, il caffè mattutino è sinonimo di Bar Cappuccini, Dulcis in Furno o La zeppola d’oro di Sara e Mattia.

Ilaria Petitto

Ilaria Petitto

Al Bar Cappuccini sono legate due imprenditrici irpine di successo, Maura Sarno e Ilaria Petitto, oltre ad Antonia Siani, titolare del negozio di abbigliamento “Frankie Pelota” che, però, l’alterna al Bar Esposito.

Dottor Paolo Sanfilippo

Dottor Paolo Sanfilippo

Paolo Sanfilippo agente generale di Ina Assitalia si divide tra La Dolce vita, Nero Caffè e Sole e Farina mentre la pr Francesca Theodosiu la si può incontrare a sorseggiare un caffè al Vincent, da Dulcis in Furno o al Mivida.

Mara Borghese, titolare di Mara Concept Store è una fedelissima del Bar Spasky mentre Orlando Iandolo non si sposta molto dal suo store di via Verdi, optando per De Pascale, Dulcis in Furno e Esposito.

Francesco Pedace

Francesco Pedace

L’architetto Virginio Sessa si divide tra il Saint Tropez, la Vecchia Napoli e il Bar Picone mentre il suo collega Annito Abate, responsabile Ais Avellino, ama gustare il caffè al Bar Cappuccini, al Baretto di via Scandone o al Bar di Piazza del Popolo.

L’imprenditore Alberto De Matteis si divide tra Il Bar Le Firme e il Bar Cappuccini.

Lo chef Marco Contrada prende il suo primo caffè della giornata al Clicquot di Atripalda ma non disdegna il Baffitiè di via Circumvallazione.

Per Francesco Pedace del ristorante La via delle Taverne, il buon caffè è quello del Bar Esposito ad Atripalda, di Urciuoli in Via Due Principati o del Link Cafè di via Appia, mentre Sara Riccio, oltre a quello del “suo” Diablo Lounge Bar ama il caffè del Saint Tropez.