E’ lei la capolista Pd al Senato

E’ lei la capolista Pd al Senato

29 gennaio 2018

Pasquale Manganiello – Ai tempi fu Dagospia a portare il caso sotto le luci della ribalta.  Il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli aveva riportato nella sua pagina web  il conseguimento del diploma di laurea in Scienze Sociali. In realtà il titolo realmente conseguito dal ministro era il diploma alla Scuola per Assistenti sociali Unsas di Milano.

Provocò, inoltre, una bufera il caso sollevato dal direttore de La Croce Quotidiano Mario Adinolfi che scrisse: “La Fedeli non ha fatto mai manco la maturità, ma solo i tre anni per fare la maestra. Poi diplomino da assistente sociale, privato. Questo è il nuovo ministro della Pubblica Istruzione che si dichiarava ‘laureata in Scienze Sociali’.”

“Posso fare la ministra anche senza laurea” – dichiarò la Fedeli mentre il suo staff replicò così al giornalista: “Ha fatto una scuola per conseguire il diploma di maestra nelle scuole materne che dura tre anni” e poi l’oramai famosa scuola per assistenti sociali. “Niente di nuovo, Adinolfi esprime legittimamente la sua opinione su quali titoli debba avere o non avere” un ministro dell’Istruzione.

La titolare del Miur è balzata agli onori della cronaca anche a causa di numerose gaffe ( “traccie” durante gli esami di stato o  “sempre più migliori”) oltre alle tantissime contestazioni degli studenti, dalla Lombardia alla Sicilia passando, recentemente, per Benevento.

La “buona scuola” ha portato L’Italia – in base ai dati Eurostat – ad essere “in fondo alla classifica europea per livello di istruzione – in particolare siamo ultimi per numero di laureati e tra i primi quattro per numero di persone con un basso livello di educazione – e in cima a quella per dispersione (o abbandono) scolastica, con la quinta posizione su 28 Paesi”.

La Fedeli, blindata da Renzi in molti collegi, sarà candidata nel listino proporzionale del Senato Avellino-Benevento-Caserta in quota Partito Democratico.