D’Urso: “Un parco polifunzionale alle spalle dell’ex Coop”

13 dicembre 2011

SOLOFRA – “Nell’area retrostante l’edificio dell’ex Coop sarà realizzato un Pua”. Il piano urbanistico attuativo è annunciato dall’assessore all’urbanistica Antonello D’Urso: “L’amministrazione comunale –spiega- nell’ambito della redazione del nuovo piano urbanistico comunale ha programmato anche dei piani specifici e diretti in alcune aree. Lanciando il concetto di perequazione coinvolgendo aree private con interesse della comunità. La zona retrostante l’edificio dell’ex Coop, è un’area a verde che si rende adeguata per dar vita a dei progetti di ampio respiro diretti, soprattutto, per l’utilità del paese e di tutto il territorio comunale”.
Il progetto in programma prevede la realizzazione di un parco polifunzionale, che comprende una molteplicità di attività ludico-ricreativa innovative, con un multisala per il cinema, oltre le varie piste per il bowling, sala giochi tecnologiche, ristorazione e fast food. L’edificio polifunzionale progettato prevede anche campi per attività sportive (tennis, basket, pallavolo) e piscina offrendo anche spazio al settore commerciale e terziario. Il complesso si estende per superficie e prevede la presenza di tre livelli basato su un progetto urbanistico di rilievo sul fronte tecnologico, considerando le potenzialità della zona e l’accessibilità viaria dalle province e dal centro cittadino per garantire un’attrazione costante. “Il progetto rientra nel piano urbanistico attuativo (Pua) ed è ora al vaglio della Provincia – conclude l’assessore Antonello D’Urso – l’intento è di creare dei servizi in una zona cuscinetto tra l’area industriale e quella residenziale, facendo edificare ai privati in cambio di urbanizzazione. La posizione baricentrica alle città di Avellino e Salerno, fa in modo che Solofra sia proiettata ed orientata nella direzione ludico, ricreativa, commerciale e terziaria, mantenendo sempre le sue caratteristiche di richiamo per tutto il settore conciario. Nel progetto si punta anche a riscontrare l’interesse dei privati che a richiamare società d’investimenti nel project financing con una capacità di attrazione intercomunale”.