VIDEO/ Due minori di Baiano minacciati e rapinati da baby gang napoletana

26 maggio 2018

“Qui la zona è nostra, comandiamo noi”. Con queste parole un gruppo di quattro minori, tutti della provincia di Napoli, ha aggredito due minori di Baiano. L’episodio risale allo scorso 4 marzo e si è verificato nella villa comunale di Baiano. Erano circa le 18, ed era già sera.

I giovanissimi rapinatori (due non imputabili perché non ancora 14enni) avevano adocchiato le due vittime sulla Circumvesuviana proveniente da Napoli. Scesi dal treno li hanno seguiti derubandoli dei cellulari smarthphone dopo averli minacciati con un coltello puntato alla pancia per farsi dare la password. Le vittime, che sono state anche perquisite dai rapinatori alla ricerca di denaro, hanno subito denunciato l’episodio alle famiglie che hanno allertato la polizia di Baiano.

Decisivi per inchiodare i minorenni anche la testimonianza di un minore presente sul treno e il filmato delle telecamere della stazione della circumvesuviana e della villa comunale di Baiano. Anche Facebook e i social hanno aiutato nella ricerca dei rapinatori, individuati anche da una delle due vittime.

I dettagli dell’operazione sono stati illustrati nel corso di una Conferenza Stampa  presso il Comando provinciale dei Carabinieri. I due quindicenni dell’hinterland nolano sono stati colpiti da un provvedimento di misura cautelare emesso dal Gip del Tribunale per i Minorenni di Napoli, al quale hanno dato esecuzione i Carabinieri della Compagnia di Baiano, che prevede il collocamento in Istituto Penale per Minorenni di rapina e porto illegale di arma bianca. Gli altri non possono invece neanche essere interrogati perché non imputabili.