Dirigibili all’Irisbus, Meninno: “Strada percorribile anche se…”

5 novembre 2013

Avellino – Il progetto di ridestinare la Irisbus a fabbrica per la produzione di mezzi di trasporto transaereo ha incuriosito e non poco gli addetti ai lavori, anche se è lo scetticismo a restare alto tra le parti sociali. Così Franco Tavella, numero uno della Cgil Campania: “Potrebbe sembrare una proposta di fantasia detta così. La verità è che manca un piano trasporto pubblico locale e nazionale. Se si vuole pensare di smantellare o ridimensionare i trasporti locali allora fabbriche come la Irisbus non servono a nulla”.

“Speriamo che sia concreta come proposta – ha spiegato Dario Meninno, Rsu Fiom della fabbrica della Valle Ufita – Credo che si debba proseguire sulla strada delle due opzioni già al tavolo del Mise perchè in fase più avanzate e strettamente legate al settore del trasporto pubblico. Poi, si può anche valutare la fattibilità di una riconversione industriale, nella fattispecie la costruzione di dirigibili. L’Irisbus logisticamente è pronta per entrare in questo settore”.