Basket, la Sidigas torna a sorridere al Del Mauro. Mega Leks sepolto

Basket, la Sidigas torna a sorridere al Del Mauro. Mega Leks sepolto

7 dicembre 2016

La Sidigas seppellisce il Mega Leks in Basket Champions League ridando al Paladelmauro quell’aura di fortezza inespugnabile, quella patina magica e brillante che sembrava aver perso nelle ultime gare casalinghe tra campionato e coppa, dove la Beneamata biancoverde ha collezionato appena una vittoria in cinque gare.

Gli ospiti pagano a caro prezzo le tante assenze tra le proprie fila e soprattutto le tante palle perse nella prima frazione di gioco. Ad apertura ripresa la Scandone imbecca il parzialone di 22-10 che permette ai biancoverdi di controllare gli ultimi 10′ mandando sui legni anche Parlato ed Esposito, entrambi all’esordio europeo.

PRIMO QUARTO 21-15 Ragland regolarmente sul parquet del Del Mauro in quintetto con Obasohan, Thomas, Leunen e Cusin. Nessun turno di riposo dunque il play di West Springfield. I primi punti li porta in dote il giovane giallofucsia Mushidi a cronometro fermo, risponde il 3-0 di Obasohan e la tripla di Leunen, intervallati da Tejic. Al timeout serbo è 10-5 grazie ai canestri di Cusin e Ragland. In uscita Green per Ragland e 2+1 del pivot azzurro che allunga lo scarto sul +8. Glogovac da oltre l’arco rompe il digiuno ospite. Primi punti anche per Randolph (1/2), Thomas e Fesenko. L’ucraino chiude il quarto in lunetta (1/2).

SECONDO QUARTO 16-18 Subito un break di 3-2 portato in dote in un amen da Randoplh e Spasojevic ad inaugurare la seconda frazione. Il montenegrino infiamma la gara portando i serbi a -2, le velleità ospiti vengono tuttavia subito spente dal 6-0 Scandone firmato Leunen, Cusin e Ragland. Cancar va di tripla a chiudere il break biancoverde, ma l’infelice gestione ospite della palla premia i contropiedi avellinesi che si esaltano con Obasohan, Thomas e ancora Cusin, accattivandosi i flash dei fotografi. +8 Sidigas, vantaggio dimezzato dalle triple di Glogovac e Mushidi in chiusura di tempo.

TERZO QUARTO 22-10 Mushidi ha la mano calda da 3, ma Avellino, grazie soprattutto alla difesa di Cusin, continua a macinare punti. Randolph dimostra ai serbi di non essere da meno dalla lunga distanza e i lupi tornano sul +8. Scarto che supera la doppia cifra grazie a Ragland: gioco da 3 punti e successivo en plein dalla carità, mentre Cusin continua a conquistare rimbalzi (specialmente in difesa). Simeunovic va di tripla per il ritrovato -10, dura poco: Fesenko, Obasohan e Randoplh allungano ancora (+16).

ULTIMO QUARTO 26-18 La guardia belga è on fire in apertura di ultimo quarto, imitato da Thomas. Mega Leks tiene botta con la solita tripla di Simeunovic (2/2). Gioco da 3 punti completato da Thomas per il massimo vantaggio locale di 19 punti dai toni ferali per i colori ospiti. Punti in lunetta anche per Severini con cui Avellino sfiora il ventello che arriva grazie all’ala di Memphis, nonostante Spasojevic. Ultimi di minuti di garbage time con l’esordio in Champions League di Salvatore Parlato e Lorenzo Esposito, entrambi a canestro. Termina 85-61.

AVELLINO: Thomas 19, Ragland 13, Cusin 11.

MEGA LEKS: Glogovac 13, Mushidi 12, Simeunovic 10.


Commenti

  1. […] Basket, la Sidigas torna a sorridere al Del Mauro. Mega Leks sepolto […]