Differenziata, la lettera del comandante dei Vigili Arvonio agli incivili

Differenziata, la lettera del comandante dei Vigili Arvonio agli incivili

4 gennaio 2018

“Caro cittadino, anzi no, caro incivile …non credo che la tua azione sia una sfida alle istituzioni, credo sia solo ignoranza, dettata non so da cosa, forse dal menefreghismo e dalla approssimazione o dall’arroganza…. Nella tua città, e non puoi non saperlo, è partita dal 4 dicembre 2017 la raccolta differenziata porta a porta, e basterebbe porre un po’ di attenzione per sapere quando e come depositare i rifiuti, davanti alla tua abitazione……..Perchè non utilizzi i servizi che noi ti offriamo? Non ti sembra che per il decoro e l’immagine di questa città, sia una cosa giusta? Potremo dire a tutti di abitare in una città civile e ne guadagneremo tutti, e se vi sono dei problemi nella raccolta dei rifiuti bisogna parlare e non abbandonarli in giro… Non sarà certo la contravvenzione a cambiare il tuo essere…ma spero di averti chiarito le idee. Noi siamo i cittadini che amiamo la città”. E’ questo il monito del comandante della municipale di Avellino Michele Arvonio verso coloro che indiscriminatamente abbandonano i sacchetti della spazzattura in strada. Il fenomeno, sempre esistito, è diventato ingestibile con l’avvento del nuovo sistema di raccolta differenziata in città. Ieri l’ultimo video che ritrae un cittadino intento a sversare rifiuti nella periferia di Avellino, beccato grazie al sistema di videosorveglianza installato nei punti che presentano maggiore criticità. Sarà pugno duro nel 2018 per chi non rispetta le regole ma soprattutto per chi incentiva il malcostume dell’abbandono dei sacchetti in strada.

IrpiniAmbiente, intanto, fa sapere che nei prossimi giorni saranno tolte dalla strada anche le campane per la raccolta del vetro. I contenitori verdi erano diventati ricettacolo di ogni tipo di spazzatura e questa misura servirà a non dare nessun punto di riferimento a chi non vuole impegnarsi per svolgere una differenziata adeguata. Pronti i verbali di 600 euro per chi non rispetterà le regole. Vita dura per i furbetti dei sacchetti.