Nave Diciotti, con Salvini indagato anche l’irpino Piantedosi

Nave Diciotti, con Salvini indagato anche l’irpino Piantedosi

26 agosto 2018

Sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio: queste le accuse mosse dalla Procura di Agrigento a carico del Ministro dell’Interno Matteo Salvini e del suo Capo di Gabinetto, l’irpino Matteo Piantedosi, ex Prefetto di Bologna e da giugno al Viminale.

L’inchiesta riguarda ovviamente il caso della nave Diciotti, ormeggiata al porto di Catania e dalla quale il Ministro e leader della Lega non aveva autorizzato lo sbarco dei migranti.

“Indaghino chi vogliono – ha scritto sui social il vicepremier – abbiamo dato abbastanza, è incredibile vivere in un paese dove dieci giorni fa è crollato un ponte sotto il quale sono morte 43 persone dove non c’è un indagato e indagano un Ministro che salvaguardia la sicurezza di questo Paese. E’ una vergogna”.

Intanto intorno alla mezzanotte è iniziato lo sbarco dei 137 migranti, dopo cinque giorni trascorsi sul pattugliatore della guardia costiera ormeggiato nel molo di Levante del porto di Catania.

I primi a scendere sono stati dodici giovanissimi, che sono stati presi in consegna da personale della Croce Rossa italiana. Dopo l’identificazione sono stati trasferiti nell’hot-spot di Messina in attesa della successiva distribuzione tra Chiesa italiana, un centinaio, Albania e Irlanda, una ventina ciascuno.

Secondo i magistrati, Salvini e Piantedosi avrebbero privato illegalmente della libertà personale i profughi soccorsi dalla nave.