Di Capua: “bretella Lioni-Grottaminarda rimane una priorità”

30 gennaio 2013

La realizzazione della bretella Lioni-Grottaminarda rimane una priorità ed una necessità per lo sviluppo dell’Irpinia, ma sarebbe opportuno che dagli annunci ripetuti ad ogni tornata elettorale si passasse all’azione concreta. E’ il commento di Toni Di Capua, segretario provinciale della FILLEA CGIL di Avellino. “Abbiamo sostenuto da tempo l’intervento di cui oggi tutti si assumono la paternità. Senza voler affermare diritti di primogenitura – aggiunge Di Capua – vogliamo ricordare che la Lioni-Grotta, già dalla prima stesura del patto per lo sviluppo, che ha compiuto ormai tre anni, era considerata dal sindacato un’opera indispensabile a sostegno delle attività produttive oltre che un intervento in grado di rilanciare le attività del settore delle costruzioni. Non tutti, però, hanno lavorato alla realizzazione dell’opera con lo stesso impegno, salvo ricordarsene in ogni campagna elettorale, per sbandierarla come un punto qualificante del programma elettorale. Le nostre preoccupazioni – aggiunge il segretario provinciale della Fillea – sono supportate dall’allarme lanciato dal commissario ministeriale D’Ambrosio, che ha sollecitato la Regione Campania al fine di conoscere l’impegno di spesa che deve completare il finanziamento già fornito e per i trasferimenti necessari. Per noi la Lioni-Grotta è un’opera strategica per lo sviluppo e per l’economia irpina, per molti, invece, è un elemento strategico delle campagne elettorali, che il giorno dopo le elezioni può essere messo nel dimenticatoio e rispolverato all’occorrenza. E’ singolare il fatto – aggiunge Di Capua – che dovremmo augurarci una lunga campagna elettorale, per vedere i cantieri in attività lungo il tracciato, senza dimenticare, tra l’altro, l’aspetto non trascurabile per cui l’unica assente sulla Lioni-Grotta, è ancora una volta la Regione Campania, che non ha disposto le risorse aggiuntive necessarie al finanziamento dell’opera, di sua competenza”. Il segretario Di Capua, nel ribadire la posizione della Fillea e della CGIL di Avellino, riguardo alla necessità di avviare l’intervento stabilendo tempi certi e trasparenza nelle operazioni, aggiunge che alla luce del disimpegno “costante della Regione Campania per gli investimenti infrastrutturali in provincia di Avellino, assume maggiore rilievo l’iniziativa messa in campo dalla CGIL Campania, della manifestazione del 9 febbraio 2013 a Napoli e dello sciopero generale dell’8 marzo. Alle due iniziative – conclude Di Capua – la Fillea di Avellino accorderà il pieno sostegno e la massima partecipazione”