D’Ercole: “E’ il Governo che collabora con Bassolino, non viceversa”

16 maggio 2008

Regione – “Una banalità vestita a festa”. E’ questo il commento del coordinatore dell’opposizione, Francesco D’Ercole, all’affermazione del presidente della Giunta Regionale Antonio Bassolino che stamattina nel corso della manifestazione per la presentazione del piano dei lavori per l’ammodernamento del Teatro San Carlo, ha dichiarato la propria disponibilità a collaborare con il Governo centrale, per “l’emergenza rifiuti, ma anche in tanti altri settori”. “Messa così – continua – sembra quasi che collaborare con il Governo centrale sia una concessione che Bassolino fa a Berlusconi, piuttosto che quello di cui effettivamente si tratta: una richiesta di aiuto per risollevare Napoli e la Campania dalle condizioni di difficoltà in cui si trova attualmente ristretta, proprio in conseguenza della sconsideratezza con la quale, tanto il capoluogo quanto la regione, sono state amministrate (o forse sarebbe più opportuno dire: disamministrate?) in questi ultimi 15 anni, proprio da Bassolino, prima da sindaco e poi da governatore. Con l’aiuto e la complicità, naturalmente, dell’intero centrosinistra”. “E questo – conclude D’Ercole – senza dire che collaborare con il Governo è un dovere istituzionale dal quale nessun sindaco o presidente di Regione potrebbe mai sottrarsi. Non lo potrebbe fare in una condizione di normalità, figuriamoci in questo momento di emergenze: rifiuti, sanità, disoccupazione, degrado ambientale, etc. Ha una sola possibilità per uscirne nella maniera più indolore possibile per lui e per la Campania, chiedere ed ottenere l’aiuto del Governo centrale. Contributo che l’esecutivo di centrodestra ha già ribadito più volte di essere intenzionato ad offrire. Nella speranza che lui sappia farne tesoro”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.