Decreto Dignità, Gubitosa (M5S): “Finito il tempo dei delocalizzatori abusivi”

Decreto Dignità, Gubitosa (M5S): “Finito il tempo dei delocalizzatori abusivi”

2 agosto 2018

Mentre a Montecitorio sta per essere approvato il decreto Dignità, Michele Gubitosa con un post su fb tuona contro le delocalizzazioni, uno dei punti focali del dl voluto da Luigi Di Maio.

“In questi giorni in aula – ha scritto Gubitosa, componente della commissione Bilancio della Camera – ho ascoltato molte dichiarazioni delle opposizioni che si sono intestate la difesa delle aziende che delocalizzano. Questi politici, evidentemente, hanno perso il contatto con la realtà o non sono mai stati in una piccola o media impresa italiana negli ultimi anni. Non conoscono le umiliazioni che noi imprenditori italiani siamo stati costretti a subire negli ultimi 20 anni. Forse non sanno che questi ‘prenditori’, come li ha definiti il nostro ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, che ringrazio, vengono dall’estero, prendono i finanziamenti, fanno concorrenza agli imprenditori italiani e, molto spesso, portano via commesse vitali per determinate aziende.

Poi, conclusa l’operazione di sfruttamento e, in alcuni casi, di saccheggio, vanno via licenziando i dipendenti, piantando in asso migliaia di famiglie di lavoratori e lasciando sul loro cammino solo il deserto dietro di sé”.

Il parlamentare pentastellato, prosegue: “Nel frattempo, hanno fatto chiudere aziende di imprenditori onesti italiani: la beffa più grande è che la concorrenza è stata fatta con i soldi delle tasse degli stessi imprenditori. Quindi, con i soldi delle proprie tasse, un imprenditore ha finanziato la chiusura della sua azienda. Sembra assurdo ma in questi anni è andata proprio così”. Per Gubitosa “chi critica il decreto Dignità ha passato troppo tempo dentro quest’aula e non ha idea di quello che accade nel Paese reale”.