De Luca (Pd) sollecita Governo sul caso della Irisbus

9 novembre 2012

Il senatore del Partito democratico Enzo De Luca sollecita nuovamente l’attenzione e l’impegno del Governo sul caso dello stabilimento Irisbus di Flumeri. Già al centro di interrogazioni e ordini del giorno presentati su sua iniziativa, la questione ha ispirato due emendamenti di De Luca al “decreto crescita” (decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese) che presto arriverà in Aula al Senato per la conversione in legge. In particolare, il senatore irpino ha chiesto “… l’istituzione, al fine di elaborare ed approvare un piano nazionale per il trasporto pubblico locale, di un tavolo tecnico Regione/Enti locali per il reperimento delle risorse per l’attuazione del piano nazionale” per poi sottolineare, con la richiesta di aggiungere un comma specifico all’articolo del decreto relativo ai trasporti, che “… al fine di potenziare e migliorare gli autobus del trasporto pubblico nonché procedere all’ammodernamento del parco macchine delle società di trasporto è necessaria l’elaborazione di un piano industriale per il rilancio della Irisbus attuabile mediante l’utilizzo delle risorse del Fas (Fondo per le aree sottoutilizzate)”.

De Luca ha chiesto ancora una volta al Governo un impegno preciso per assicurare un futuro certo allo stabilimento irpino, sottolineando di nuovo “… l’importanza strategica della Irisbus per il rilancio dello sviluppo nel Mezzogiorno”. A tal proposito, a sostegno delle attività produttive del Sud, con un altro emendamento De Luca ha chiesto di inserire un apposito comma in base al quale “al fine di ripristinare forme efficaci di incentivazione delle attività produttive localizzate nel Mezzogiorno, viene rilanciato il programma strategico Industria 2015 per favorire le connessioni tra imprese del Nord e quelle del Sud e promuovere l’attivazione di specifiche misure finalizzate alla riduzione del costo del lavoro a vantaggio dei lavoratori e delle imprese”.