De Angelis: “Salvati i Pics. Riparte il piano strategico, ma a costo zero”

De Angelis: “Salvati i Pics. Riparte il piano strategico, ma a costo zero”

5 novembre 2018

Marco Imbimbo – La riunione di Giunta di stamattina la definisce «un’operazione di salvataggio» dei fondi Pics. Quasi 18 milioni di euro in progetti che guardano a tutta la città: dalla Dogana alla riqualificazione delle porte est-ovest, passando per la riqualificazione del Palazzotto e la realizzazione del parco della Musica al santo spirito, senza dimenticare la realizzazione di nuovi alloggi comunali a Valle o il completamento del castello longobardo. Un lungo elenco di progetti redatto dall’amministrazione Foti e inserito nel Dos (documento di orientamento strategico) poi approvato dal precedente consiglio comunale.

La giunta comunale, oggi, ha dato un’altra accelerata al programma, come spiega Carmine De Angelis, assessore ai “Fondi europei”: «Siamo partiti dalla presa d’atto dell’elenco dei progetti inseriti nel Dos e già approvati dalla precedente amministrazione. Questa volta, però, li abbiamo predisposti come realtà progettuali così come stabilito durante gli incontri con la Regione. Successivamente approveremo ogni singolo progetto di fattibilità. In pratica abbiamo salvato i finanziamenti che, sul Dos, risultavano solo formalmente. In totale sono quasi 18 milioni di euro di progetti. Oggi la procedura è stata incardinata, quindi anche se dovesse arrivare un commissario, i fondi non andranno perduti. Abbiamo fatto un’operazione salvataggio».

L’assessore, inoltre, annuncia che si farà ripartire il piano strategico, su cui aveva iniziato a lavorare l’amministrazione Foti. «A differenza di allora, però, noi lo faremo ripartire a costo zero – sottolinea De Angelis – perché utilizzeremo risorse interne del Comune. La bozza che aveva preparato la vecchia amministrazione, invece, costò 15 mila euro alle casse comunali».

La squadra di governo del sindaco Ciampi ha approvato anche un progetto che riguarda i beni della Chiesa presenti in città. «Rientra in un protocollo d’intesa sottoscritto due anni fa tra Comune e Curia, ma poi rimasto lettera morta – spiega De Angelis. Stesso la Curia ci ha trasmesso un progetto di fattibilità dal titolo “Musei diffusi” e riguarda una serie di riqualificazione, conservazione e riutilizzo del patrimonio della Chiesa. L’importo è di circa 6 milioni di euro, e intendiamo candidare il progetto nei fondi Por fesr 2014-2020».

La Giunta comunale ha anche approvato l’aumento di finanziamento di circa 2,4 milioni di euro per l’housing sociale di Picarelli, inoltre è stato dato il via libera a un progetto di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico del Comune, per circa 3 milioni di euro, da candidare a un apposito bando regionale.