Dalla Regione  Campania 10.000 € per chi assume giovani professionisti

Dalla Regione Campania 10.000 € per chi assume giovani professionisti

26 marzo 2015

Hai una piccola azienda in provincia di Avellino? Sei un professionista che non ha ancora compiuto 41 anni in cerca di un’opportuntà lavorativa?

Ecco una buona notizia che forse non cambierà la vita ma di certo potrà sostenere economicamente piccole e aziende e giovani professionisti anche in Irpinia.

15 milioni di euro a disposizione delle piccole e medie imprese che decidono di ricorrere alle consulenze di giovani professionisti.

L’incentivo al lavoro arriva dalla Regione Campania, che ha pubblicato un Avviso rivolto alle PMI con sede nel territorio regionale che decidano di ricorrere alle prestazioni di professionisti, che non abbiano compiuto il quarantunesimo anno di età, per consulenze specialistiche che abbiano, come obiettivo, la crescita e lo sviluppo dell’azienda stessa.

Sul sito della Regione Campania e sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 16 del 9 marzo 2015 è possibile scaricare l’avviso e la domanda da presentare per accedere al finanziamento.

Cosa prevede tale incentivo?

Un contributo del 50%, fino a un tetto massimo di 10.000 euro per ciascun richiedente, quale forma di rimborso per le spese sostenute per servizi di consulenza prestati da giovani professionisti.

Al fine dell’individuazione della percentuale del contributo ammissibile a finanziamento saranno prese in considerazione solo le voci di spesa che riguardano le collaborazioni professionali esterne, le assicurazioni inerenti la sicurezza nel posto di lavoro del giovane professionista e le forniture per ufficio e cancelleria.

Per poter accedere al contributo regionale è necessario che i rapporti contrattuali con i consulenti siano stipulati con professionisti che non abbiano compiuto i 41 anni di età, siano residenti in Campania da almeno 6 mesi, siano titolari di partita IVA, siano in possesso di Laurea ed iscritti ad un ordine professionale e non abbiano rapporti di parentela, entro il terzo grado, con il titolari o i soci o i componenti degli organi di amministrazione dell’impresa committente.

I finanziamenti saranno concessi seguendo l’ordine di presentazione delle domande e, comunque, fino ad esaurimento del plafond disponibile per tale misura di sostegno alle piccole e medie imprese.

Una riflessione a margine della misura incentivante proposta è d’obbligo: ad Avellino, Benevento, Caserta, Napoli e Salerno, un professionista di 40 anni e 11 mesi è considerato ancora giovane.

Che chissà se fa più piacere o più rabbia.

 Clicca qui per tutte le informazioni