Da Boscoreale per commettere furti anche in Irpinia: in manette la banda dello “Zio”

Da Boscoreale per commettere furti anche in Irpinia: in manette la banda dello “Zio”

18 ottobre 2018

I Carabinieri di Torre Annunziata hanno emesso all’alba di oggi un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quindici persone, italiane e rumene, che la scorsa estate avevano commesso numerosi furti tra Napoli, Caserta, Salerno e Avellino. Undici i ristretti in carcere, mentre altri quattro sono finiti agli arresti domiciliari.

La banda, guidata da un 46enne di Boscoreale chiamato lo “Zio” che fissava le date dei furti, indicava le abitazioni da svaligiare e dove portare poi la refurtiva, operava in tutta la Campania e nei mesi a cavallo tra maggio e agosto ha commesso circa una trentina di colpi.

Prima avveniva il sopralluogo, poi, divisi in batteria di quattro o cinque elementi, la banda metteva a segno il furto, asportando denaro, gioielli, attrezzi agricoli e televisori. Attiva anche la rete di ricettazione, nel corso delle indagini sono stati infatti individuati tre depositi di merce ubicati a Boscoreale.