Croce Rossa, si chiude ’”Abellinum camp 2013″

5 novembre 2013

Ha ufficialmente chiuso i battenti domenica la prima edizione dell’”Abellinum camp 2013”, campo di formazione organizzato dal Comitato Provinciale CRI di Avellino. Il bilancio dell’attività è stato più che positivo: si sono registrate, nei giorni dal 30 ottobre al 3 novembre, più di 200 presenze di volontari provenienti da tutta la Regione Campania. Molto successo ha registrato, sabato 2 novembre, il workshop “ResponsabilMente CRI” tenuto da docenti dello staff nazionale,a cui ha preso parte anche la Presidente Regionale CRI Campania, Stefania Pisciotta. “Il campo è stata un esperienza che ci ha unito umanamente ma ha anche migliorato le nostre competenze – spiega Sabata Venezia, Presidente del Comitato CRI della Provincia di Avellino – infatti in questi giorni la nostra provincia si è arricchita di nuovi esecutori blsd (basic life support – defibrillation) e pblsd (pediatric basic life support – defibrillation), operatori in emergenza e coordinatori di emergenza di 1 livello e migliorato le competenze sui trasporti sanitari in ambulanza. La nostra era una edizione “zero” e sono veramente molto soddisfatta dell’andamento dell’attività e del lavoro di rinnovamento che con il mio staff stiamo portando avanti in Provincia. Ciò mi spinge a fare dei sentiti ringraziamenti a tutti coloro che hanno preso parte a questa avventura: allo staff, ai docenti e ai volontari che hanno partecipato a vario titolo, ai miei delegati – che hanno creduto fin dalla prima ora nella realizzazione di questo sogno – ai dipendenti del Comitato, alla Cooperativa “Il Germoglio” che gestisce Villa del Seminario e a tutti i cittadini di Sant’Andrea di Conza per l’ospitalità con cui ci hanno accolto. Inoltre desidero ringraziare di cuore – prosegue Venezia – le aziende irpine che, con le loro donazioni, ci hanno permesso di contenere le spese di vitto: mi riferisco in particolar modo alla Ferrero, alla Baronia, all’ingrosso Del Fiume di Sant’Angelo dei Lombardi, al Salumificio Spiezia, alla Conad di Lioni e alla Franzese srl di Carbonara di Nola. A tutti voi va la riconoscenza mia e di tutta la Croce Rossa. Adesso che siamo tornati alla realtà, ci rimbocchiamo le maniche per preparare la seconda edizione dell’”Abellinum Camp”, per garantire sempre più formazione ai volontari, ma anche ancor più professionalità a chi si affida a noi”.