VIDEO/ Covid-19, dal Moscati: altro estubato e nuovo personale in servizio

2 aprile 2020

Il bilancio dell’epidemia da Covid-19 in Irpinia è di 282 positivi, 27 morti e 5 guariti mentre per il Moscati in mattinata è arrivato il punto dalla direzione.

“Abbiamo 79 pazienti ricoverati più 6 trasferiti alla Santa Rita di Atripalda. 21 i deceduti e 18 persone sono in attesa dell’esito del tampone. Abbiamo anche un terzo paziente estubato” ha riferito il direttore sanitario Rosario Lanzetta che ha anche annunciato l’ingresso in servizio dalla giornata di ieri di 1 pneumologo, 2 anestesisti e 13 infermieri.

Il trasferimento nelle strutture private dei pazienti clinicamente guariti ma ancora positivi al tampone rientra nell’ambito del “protocollo d’intesa sottoscritto tra Regione Campania e AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata)” come ha spiegato il direttore generale del Moscati Renato Pizzuti.

Il manager ha anche riferito dell’attivazione di un altro protocollo riguardante “la sorveglianza del personale sanitario con 2mila test rapidi a partire da domani”.

Due, quindi, le strutture private che hanno dato disponibilità a ospitare i pazienti affetti da Covid-19 provenienti dall’Azienda Moscati: la casa di cura Santa Rita di Atripalda e la casa di cura Villa Maria di Mirabella Eclano.

La tipologia di pazienti e il relativo numero di posti letto messo a disposizione sono i seguenti: la clinica Santa Rita ha 10 posti letto per pazienti ancora positivi, ma in condizioni di salute discrete (tecnicamente definiti “pazienti Covid paucisintomatici di grado lieve”); sempre la clinica Santa Rita ha messo a disposizione ulteriori 50 posti letto per pazienti Covid clinicamente guariti, ma in attesa dell’esito dei due tamponi di verifica.

La casa di cura Villa Maria di Mirabella Eclano, invece, ha messo a disposizione 32 posti letto solo per la seconda categoria di pazienti, ovvero pazienti Covid clinicamente guariti, ma in attesa dell’esito dei due tamponi di verifica.