Costruzioni – Tavolo anticrisi: Filca Cisl spiega azioni di rilancio

18 marzo 2010

Avellino – Per il settore delle Costruzioni il tavolo anticrisi costituitosi oggi in provincia con l’assessore provinciale Giuseppe Solimine, il segretario generale della Cisl, Mario Melchionna, la Filca con il segretario generale, Fulvio Pirchio, e le altre parti sociali, ha sviluppato importanti azioni sia di osservazione che di rilancio economico. Lo comunica la Filca Cisl che spiega: “Da qui la nostra soddisfazione per iniziative immediatamente operative e che hanno la prospettiva di dare un impulso al settore edile in termini di volume e di occupazione. Sarà potenziato il tavolo di confronto tra le stazioni appaltanti pubbliche e i Comuni per la cantierizzazione di tutte le opere che hanno avuto già copertura finanziaria o ferme perché manchevoli di definizione progettuale definitiva. La conferenza sugli appalti, già programmata per il mese di aprile, avrà l’obiettivo di monitorare per tipologia di lavoro le opere in programma secondo tempi e livelli occupazionali definiti. Sarà una osservazione del settore edile, con particolare riguardo alle opere pubbliche o di interesse collettivo, di tipo preventivo per rendere certa la ricaduta occupazionale e dell’indotto. Partirà una convenzione tra Provincia e CFS (Centro Formazione e Sicurezza) per un percorso di formazione e di inserimento occupazionale nel settore una volta acquisita la professionalità attraverso intese preventive con imprese. Rispetto ai problemi già sollevati dalla Filca all’opinione pubblica per il settore estrattivo, di concerto con il tavolo anticrisi vi saranno azioni specifiche per le lavorazioni nelle cave per quanto concerne il loro utilizzo, le autorizzazioni e la presentazione di piani di recupero. È stata ribadita ancora la necessità che la capillare osservazione del settore, dei centri di spesa raffrontati con i livelli occupazionali, debba avere un carattere permanente e continuativo premessa l’importanza del settore delle Costruzioni per l’economia provinciale. La Cisl – chiosa la nota sindacale – farà in modo attraverso personali azioni e di concerto con i tavoli istituzionali di rendere il settore delle costruzioni una delle vie maestre per la ripresa del lavoro e dell’economia in Irpinia”.